Un video entrato in possesso degli avvocati di Johnny Depp scagionerebbe l’attore dall’accusa di violenza ai danni della ex moglie Amber Heard, almeno in un’occasione. Secondo quanto riporta il Daily Mail, il filmato sconfesserebbe la versione dei fatti raccontata dall’attrice in tribunale. Si tratta di un video realizzato con una bodycam, una telecamera applicata alla divisa di uno dei poliziotti intervenuti in casa del divo dopo una lite con la moglie. Agli agenti del 911 intervenuto sul posto, l’attrice aveva raccontato di essere stata aggredita in cucina, colpita violentemente con un telefono e aveva aggiunto che l’ex marito le aveva strappato intere ciocche di capelli. Aveva riferito che la lite sarebbe avvenuta in cucina e che l’ambiente sarebbe stato devastato dalla furia dell’attore.

Johnny Depp e l’ex moglie Amber Heard
in foto: Johnny Depp e l’ex moglie Amber Heard

Il video che sconfesserebbe Amber Heard

Ma tale filmato, girato nel maggio del 2016, non confermerebbe la versione dell’attrice. La bodycam di uno degli agenti intervenuti sul posto non mostrerebbe alcun oggetto fuori posto in cucina, ambiente all’interno del quale la donna sosteneva di essere stata aggredita dall’ex marito con il quale è stata sposata 18 mesi. Nulla nelle riprese farebbe pensare che quella stanza sia stata teatro di una lite violenta tra due persone. Una prova ritenuta importante perché farebbe crollare la versione dei fatti raccontata dall’attrice e dalle sue amiche.

I legali di Johnny Depp: “Un’altra grandiosa bugia”

Adam Waldman, legale di Johnny Depp, ha raccontato così quanto il filmato del 2016 dimostrerebbe: “Amber Heard e le sue amiche hanno descritto una scena del crimine caotica e disordinata ma i video della bodycam della polizia di Los Angeles appena rilasciati mostrano inequivocabilmente che l’attico era completamente intatto e che la loro testimonianza era un’altra grandiosa bugia”.