Che Tom Cruise e Katie Holmes non avessero conservato un rapporto esattamente idilliaco, era una cosa ben nota: anzi, è verosimile credere che gli ex coniugi si odino, dopo il divorzio di qualche tempo fa. La testimonianza arriva dall'indiscrezione di qualche settimana fa, secondo la quale i due non si parlino più. Quello che continua a legarli, naturalmente, è la presenza della figlia, la piccola Suri, divenuta celebre negli scorsi anni soprattutto per qualche uscita pubblica che non aveva  fatto fare una gran figura ai genitori, viste le mise da adulta, i tacchi alti e gli abiti da donna matura indossati dalla bambina. Ma aldilà delle scelte estetiche, sappiamo come Tom e Katie abbiano avuto sempre un solo elemento d'accordo, ovvero la loro bambina.

Tuttavia, stando a quanto emerso recentemente, sembra che l'attore, impegnato di recente nelle riprese del nuovo episodio di Mission Impossible (ecco il trailer), girato a Londra, non abbia avuto molto tempo per vedere sua figlia, che dopo la battaglia per l'affidamento dal 2012 sta stabilmente con sua madre. E si tratta di un eufemismo. Sì perché pare che Tom, la piccola Suri non la veda da mesi, anzi da più di un anno. Lui stesso ha ammesso di aver avuto grandi impegni dal punto di vista professionale che gli hanno impedito di pessere un padre molto presente nei tempi più recenti. Ma se la sua sembra essere un'ammissione di colpa giusta e relativa ad un periodo piuttosto limitato, dalle fonti di Tmz più vicine all'attrice i Dawson's Creek pare provenga una versione leggermente differente.

Sembra che Tom, Suri non la veda da un anno e poco più e che in generale non dimostri un grande interesse verso la possibilità di vedere sua figlia. Lui, naturalmente, nega questa tesi, motivando appunto l'assenza recente con gli impegni professionali e aggiungendo di aver visto Suri negli ultimi mesi, ma di averlo fatto lontano da obiettivi e riflettori, proprio per riservare alla sua bambina la massima discrezione. Insomma, quella tra gli ex sposi sembra essere più una guerra di posizione che la reale battaglia comune finalizzata al bene della loro bambina.