È un impegno concreto verso l'Australia quello del divo di Hollywood, che ha particolarmente a cuore la tematica ambientalista. Leonardo DiCaprio lo ha dimostrato donando 3 milioni di dollari a sostegno del paese che è ormai devastato dagli incendi. L'annuncio è arrivato dalla pagina Facebook di Earth Alliance, l'associazione ambientalista creata nel 2009 dall'attore insieme all'imprenditrice Laurene Powell Jobs, vedeva ed erede del cofondatore Apple, e a Brian Sheth, imprenditore miliardario tra i più ricchi al mondo.

L'annuncio su Facebook da parte dell'associazione

La Earth Alliance, che sulla sua pagina Facebook conta quasi 130mila iscritti, si racconta come un'associazione ambientalista che si batte contro le continue minacce al nostro Pianeta, nata dalla passione condivisa dai suoi fondatori e lanciata in risposta ad una crescente crisi climatica e alla sconcertante perdita di biodiversità che impedisce la stabilità delle forme di vita sulla Terra. L'#AustraliaWildfireFund, fanno sapere, è un  impegno da 3 milioni di dollari per "sostenere gli sforzi contro gli incendi, aiutare le comunità locali più colpite, consentire il salvataggio e il recupero della fauna selvatica e sostenere il ripristino a lungo termine di ecosistemi unici, con i partner Aussie Ark, Bush Heritage Australia, Wires, Emerson Collective, Global Wildlife Conservation".

L'impegno di Leonardo Di Caprio per l'Amazzonia

Tra le star del mondo dello spettacolo, DiCaprio è ormai un punto di riferimento per la causa ambientalista. Le sue pagine social sono una vera e propria campagna di sensibilizzazione sui cambiamenti climatici e, dando ben poco spazio alla sua vita privata, su Instagram l'attore preferisce pubblicare decine di video e schede che illustrano le principali minacce al nostro Pianeta. Lo scorso settembre ha incontrato la svedese Greta Thunberg, ormai simbolo della battaglia per salvaguardare il futuro dell'ambiente, e con lei il divo ha promesso che lavorerà a grandi progetti. Finora, si può dire che sia stato di parola. Ad agosto 2019 ad esempio, si era battuto a tutela dell'Amazzonia in fiamme donando, per mano della stessa associazione Earth Alliance, 5 milioni di dollari per arginare la catastrofe. "L'Amazzonia brucia e nessuno fa nulla", annunciava su Instagram l'attore:

La più grande foresta pluviale del mondo è un tassello critico della soluzione climatica globale”, ha spiegato Leonardo DiCaprio in un post di Instagram. “Senza l’Amazzonia, non possiamo tenere sotto controllo il riscaldamento terrestre.

Il divo di Hollywood salva le orche dai lager russi

Nello stesso periodo DiCaprio era riuscito  a portare alta l'attenzione su un'altra questione, quella degli animali acquatici ingabbiati nei lager sottomarini della Russia. Grazie alla donazione di un fondo da 5 milioni di dollari, l'attore era riuscito a far sì che nel giro di sei mesi, tutti gli animali fossero liberati e riportati alla loro naturale cattività. Anche altri attivisti ambientali, prima fra tutti Pamela Anderson, erano intervenuti per chiedere lo stop ai lager, vere e proprie prigioni utilizzate per tenere in cattura gli animali e venderli successivamente al mercato cinese.

DiCaprio a tutela delle tigri del Nepal

Grazie all'associazione di Leonardo DiCaprio sono raddoppiate anche le tigri del Nepal. A settembre 2018 Earth Alliance aveva finanziato la conservazione dell'animale nel parco Nazionale di Bardia, fortemente a rischio a causa del bracconaggio e della distruzione da parte dell'uomo del suo habitat naturale. I governi dei 13 paesi in cui vivono il maggior numero di tigri allo stato selvatico hanno messo in atto un ambizioso piano di recupero al quale la fondazione di DiCaprio aveva partecipato insieme al WWF.