Manca poco alla scelta di Sara Affi Fella a Uomini e Donne e la tronista è quasi pronta a prendere la sua decisione. Intervistata da Uomini e Donne Magazine, Sara racconta le sue emozioni, a partire dal cambiamento che l’ha coinvolta dal momento in cui ha deciso di chiudere la sua storia con Nicola Panico: “Non m’intimorisce l’idea di buttarmi in una nuova relazione. E’ vero, sono stata fidanzata con un solo uomo e all’inizio è stato difficile relazionarmi con altri ragazzi, perché mi sentivo insicura e credevo di non avere abbastanza esperienza. Poi però tutto è venuto in maniera molto naturale”. Ad attendere la sua decisione sono Lorenzo Riccardi e Luigi Mastroianni, i corteggiatori che la tronista ha portato fino alla fine del suo percorso:

Sono stati i primi con cui ho scelto di uscire: siamo partiti da zero e tra alti e bassi, anzi mi correggo, tra altissimi e bassissimi, abbiamo costruito tanto, giorno dopo giorno. Mi sento agitata e confusa, però sto iniziando a mettere tutti i tasselli del puzzle al posto giusto. Non manca molto alla scelta.

Una scelta di cuore (ma la testa avrebbe già deciso)

Sara è divisa tra la testa e il cuore che la porterebbero in due direzioni diverse. Da un lato c’è Luigi, posato, rassicurante e oggettivamente bellissimo. Dall’altro che Lorenzo che ha cominciato a darle sicurezze solo nell’ultimo periodo, dopo un inizio titubante che l’ha portato a dichiararsi prima per Nilufar Addati, per poi fare marcia indietro. Sara è ancora combattuta, sebbene la testa le abbia già indicato chi scegliere: “Mentre la testa ha già detto la sua, il cuore invece non ha ancora parlato chiaro, anche se sento che qualcosa dentro di me sta nascendo. Nella vita di tutti i giorni sono una persona molto sentimentale e tendo a lasciarmi guidare dalle emozioni”.

Le qualità che differenziano Luigi e Lorenzo

Sceglierà Luigi o Lorenzo? Sara non si sbilancia ma tesse le lodi di entrambi: “Lorenzo mi ha insegnato a essere più leggera e a ridere di più. Per me che ero una molto pignola non è stato semplice. Luigi, invece, mi ha trasmesso il suo lato più riflessivo. Da entrambi ho preso delle qualità. […] Lorenzo è il nero e Luigi è il bianco. Li considero entrambi dei bravi ragazzi, ma Luigi è quel tipo di persona che ti sa rassicurare e far sentire protetta. Lorenzo invece è più misterioso ed enigmatico. Mi ritengo molto fortunata a essere arrivata fino a questo punto con loro due”.  Non ha più le idee chiare nemmeno sul suo prototipo di uomo ma lascia intendere una preferenza:

Non ho paura né dei miei due corteggiatori né di una loro possibile risposta negativa. Il problema sono io: sono ancora confusa, soprattutto dopo queste ultime puntate in cui non mi hanno fatto stare tranquilla. E poi noto in entrambi dei difetti che con il tempo si stanno accentuando. Prima avevo chiaro nella mia testa un prototipo: avrei saputo descrivere il mio ragazzo ideale. Oggi dico semplicemente che mi interessa una persona che mi faccia stare bene. Perché altrimenti non c’è futuro.