8 Settembre 2014
17:09

“Marilyn Monroe ebbe una storia lesbo con la sua insegnante di recitazione”

Marilyn Monroe avrebbe avuto una relazione con Natasha Lytess, la sua tirannica insegnante di recitazione tedesca. Di lei diceva: “In casa è sempre nuda ma non ama fare sesso”.
A cura di Stefania Rocco

Il controverso rapporto di Marilyn Monroe con il sesso trova nuovi elementi di discussione in una serie di documenti appena ritrovati, secondo i quali la diva senza tempo avrebbe vissuto una bollente relazione con Natasha Lytess, la sua tirannica insegnante di recitazione tedesca. Secondo quanto emerso oggi, Marilyn stessa avrebbe confessato la storia con la Lytess all’amico Ted Jordan, cui avrebbe rivelato di dormire insieme alla sua insegnante:

Perché no? Il sesso lo fai con le persone che ti piacciono. Che c’è di sbagliato in un atto così naturale?

Marilyn e Natasha sarebbero state amanti per 2 anni a cavallo tra il 1948 e il 1955. Nei documenti in questione si legge che le due sarebbero vissute come marito e moglie. La scoperta, che al momento risulta come ancora da verificare, non coglie di sorpresa i tanti fan della diva. Oltre alle relazioni con John e Bob Kennedy – l’uomo che l’avrebbe uccisa, stando alle ultime speculazioni rese note nel libro “The Murder of Marilyn Monroe: Case Closed” – la Monroe avrebbe vissuto storie d’amore e di sesso con attrici del calibro di Joan Crawford, Marlene Dietrich e Barbara Stanwyck, relazioni che sono state confermate negli anni.

La Lytess l’avrebbe salvata dal primo tentativo di suicidio

Natasha e Marilyn avevano un rapporto particolarmente stretto. Si conobbero nel 1946 quando la Monroe aveva solo 20 anni e “non era per niente bella”, come raccontava la stessa Lytess. Anni dopo, era il 1962, dichiarava:

Era nuda 7 o 8 ore al giorno e non esagero! Ma era anche piena di insicurezze. Non mollava mai quello che la rendeva la ragazza più sexy di tutte: mosse, trucco, vestiti. Pensava di non aver altro da offrire se non il sex appeal. La cosa è interessante, perché in realtà lei odiava il sesso. Sì, lo odiava. Lo temeva.

Della Lytess, invece, Marilyn diceva:

Miss Lytess mi ha reso libera. Mi ha dato equilibrio e mi ha fatto comprendere la vita. A lei devo tutto.

La diva era particolarmente legata alla sua insegnante, tanto da volerla con sé sul set. Pare che Marilyn pretendesse che la tedesca le tenesse la mano durante le riprese e che la telecamere dovesse fare un gran lavoro per evitare d’inquadrarla. Natasha l’avrebbe addirittura salvata da un primo tentativo di suicidio avvenuto proprio durante i 7 anni in cui furono vicine. In quella particolare occasione, la donna l’avrebbe ritrovata riversa sul letto in stato di incoscienza e l’avrebbe costretta a vomitare le 16 pillole ingerite.

Essere Marilyn Monroe al cinema: i volti per la diva che non esisteva
Essere Marilyn Monroe al cinema: i volti per la diva che non esisteva
"L'abito di Marilyn Monroe indossato da Kim Kardashian si è danneggiato", le foto prima e dopo
"Bob Kennedy uccise Marilyn Monroe con un'iniezione letale per farla tacere"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni