Matteo Salvini fa della conferma alla rottura con Elisa Isoardi un altro grande esempio di abilità comunicativa. Dopo una giornata in cui si sono susseguiti pettegolezzi, conferme e chiarimenti, il ministro dell’Interno commenta la vicenda con un post pubblicato sul suo profilo Facebook. Parole amare, dal significato chiaro, mai scelti a caso e che mirano a sottintendere una versione dei fatti già cristallina allo sguardo di un osservatore attento. “Impegnativa giornata di lavoro in Africa sul fronte immigrazione e sicurezza, ma il telefono dall’Italia mi squilla per altro…Per educazione, carattere e rispetto non ho mai buttato in piazza la mia vita privata, non comincerò a farlo adesso, agli Italiani non interessa. Ho amato, ho perdonato, sicuramente avrò anche commesso degli errori ma ci ho creduto fino in fondo. Peccato, qualcuno aveva altre priorità. Buona vita. Vi voglio bene Amici” a scrivere è l’uomo, apparentemente spogliato della carica, e non c’è dubbio alcuno in merito alla direzione che intende suggerire.

La foto pubblicata da Elisa Isoardi

È stata la conduttrice de La prova del cuoco la prima a dare ad intendere la separazione dal ministro. Pubblicando sul suo profilo Instagram una foto scattata in un contesto singolare – Salvini e la Isoardi compaiono distesi vicini, su un letto – la nuova signora di Rai1 ha citato una poesia di Gio Evan per confermare un pettegolezzo nell’aria da qualche settimana: “Non è quello che ci siamo dati a mancarmi, ma quello che avremmo dovuto darci ancora. Con immenso rispetto dell'amore vero che c'è stato. Grazie Matteo”.

L’amore finito due mesi e mezzo fa

Poco più tardi, nell’anteprima di un’intervista pubblicata dal settimanale Chi, la Isoardi ha chiarito che quell’amore era finito già due mesi e mezzo fa: “Matteo Salvini e io ci siamo lasciati due mesi e mezzo fa, prima che fossero decise le nomine Rai, il che dimostra che, contrariamente a quanto dicono le malelingue, non ho mai sfruttato il nostro rapporto che, ripeto, è stato un grande amore. Qual è stato il motivo della nostra rottura? La lontananza, causata dai troppi impegni di entrambi”.