"Perché Meghan è uscita da Buckingham". "Perché non riuscivo più a respirare". È la vignetta di uno degli ultimi numeri di Charlie Hebdo che prende di mira una delle notizie più lette e analizzate dell'ultima settimana: l'intervista a Meghan Markle e Harry Windsor di Oprah Winfrey. L'immagine non è stata apprezzata dai movimenti del Black Lives Matter.

La reazione alla vignetta di Charlie Hebdo

La vignetta del quotidiano satirico francese sta facendo discutere soprattutto nel "Regno" di Sua Maestà, ma anche negli Stati Uniti dato il chiarissimo riferimento a quanto accaduto a George Floyd e quel "I can't breathe" che ha spezzato il cuore a tutti. Anche per questo, gli attivisti del movimento Black Lives Matter sui social puntano il dito contro la redazione di Charlie Hebdo rinvigorendo un dibattito trito ma mai stanco: fino a dove può spingersi la satira? Halim Begum di Runnymede Trust ha condiviso l'immagine definendola "sbagliata su tutti i livelli": "Non fa ridere nessuno, non sfida il razzismo. Svilisce il problema e offende". 

Le parole di Meghan Markle

Nell'intervista a Oprah Winfrey, andata in onda anche in Italia per Tv8, Meghan Markle ha raccontato tutti i retroscena della vita a Buckingham Palace, accusando velatamente di razzismo i membri della Famiglia Reale: “Si preoccupavano di quanto sarebbe stata scura la sua pelle”, riferendosi al piccolo Archie: "Nei mesi in cui ero incinta del mio primo bambino ci dissero che non gli sarebbe spettato nessun titolo né gli sarebbe stata garantita la sicurezza. La famiglia reale non voleva che mio figlio fosse principe o ricevesse protezione". Dopo l'intervista, però, la popolarità di Meghan Markle è calata tra i sudditi del Regno Uniti che non hanno gradito le sue esternazioni e non hanno creduto pienamente alla sua versione dei fatti.