Michelle Hunziker ricorda i primi periodi della storia d’amore con Tomaso Trussardi. Incontrando l’erede di una delle dinastie più famose nel mondo della moda, la conduttrice italo-svizzera ha rivoluzionato la sua esistenza, cambiando moltissimo anche in quella del suo uomo. Intervistata dal settimanale Oggi, ricorda il suo arrivo tra i Trussardi:

La ricetta per vivere bene da personaggio pubblico è: essere sempre disponibile in pubblico e come vuoi in privato. Anche Tomaso l’ha capito subito, gli sono grata. Non era ovvio: l’arrivo della Hunziker, con tutto il suo codazzo di paparazzi dietro, è stato uno choc per la famiglia Trussardi, che invece è sempre stata così discreta. Davanti a sua madre, che è tanto sofisticata, ero in soggezione, temevo di essere inadeguata, un pesce fuor d’acqua. Poi me l’ha detto lei, quanto mi stima, quanto sia felice che suo figlio stia con me. Ho pianto, di gioia.

Il matrimonio con Tomaso

Michelle ha sposato Tomaso nell’ottobre del 2014 di fornte a decine di fotografi. Con lui ha dato inizio alla seconda parte della sua vita, diventando mamma per altre due volte a distanza di quasi 18 anni dalla nascita della primogenita Aurora Ramazzotti. Oggi i due sono ancora felici come il primo giorno e potrebbero presto pensare di andare ad allargare ulteriormente la famiglia con un altro bambino.

I benefici dei 40 anni

Michelle ha festeggiato 40 anni nel 2017. Al party di compleanno organizzato dal marito Tomaso hanno partecipato i personaggi televisivi più illustri. Quel traguardo non l’ha mai spaventata, anzi. Oggi ne riconosce soprattutto i benefici:

È bellissimo: a 40 anni finalmente sai cosa vuoi, non hai più ansie, non temi di non piacergli più se dici una cosa o non ne fai un’altra. E poi non devi più perdere tempo: fin dal primo “limone” sai se la persona che hai davanti va bene per te oppure no, se potrai parlarci di tutto e stare bene.

La serenità raggiunta da Michelle

Infine, condivide con quanti la seguono la sua ricetta per la felicità. Il segreto starebbe nell’assorbire da sola i malumori, senza comunicarlo all’esterno:

Chiudo la porta della mia camera e me li smazzo da sola. Credo molto nell’importanza di una casa armoniosa. Anche esteticamente: deve essere chiara, luminosa, pulita e profumata, deve esserci sempre una candela accesa, il divano ordinato. Non sarò io, con i miei malumori, a turbare la serenità.