L'intervista di Meghan Markle e il principe Harry ad Oprah Winfrey, trasmessa dalla CBS il 7 marzo, ha messo in subbuglio il mondo anglosassone nonché quello americano, creando due fazioni distinte tra coloro che sostengono la coppia e chi, invece, in difesa della Regina e della monarchia inglese è pronto a dimenticare gli ex Duchi di Sussex. Tra coloro che prendono le parti dell'attrice americana, c'è il suo vecchio compagno di set, nonché carissimo amico, Patrick J. Adams, suo collega in "Suits" che su Twitter non ha esitato a spalleggiare l'amica, esprimendosi anche in maniera piuttosto veemente contro la Royal Family.

L'attacco alla famiglia reale

Quella con Oprah Winfrey è senza dubbio l'intervista del secolo, un faccia a faccia di quelli che in altri tempi avrebbe potuto mettere a repentaglio la reputazione della Royal Family che, invece, in questo caso, ha reagito attaccando e controbattendo alle accuse già ampiamente divulgate prima della messa in onda dell'intervista integrale. Sul Times, infatti, è stato pubblicato un articolo nel quale si accusa Meghan Markle di aver compiuto atti di bullismo nel periodo in cui si trovava in Inghilterra e sui quali la famiglia reale avrebbe avviato delle indagini più approfondite. Un'accusa piuttosto pesante che è stata contestata dalla diretta interessata e anche da chi da anni la conosce e la sostiene come Patrick J. Adams, amico e partner in Suits. Su Twitter l'attore americano scrive:

È osceno che la famiglia reale, il cui membro più recente sta attualmente prendendo vita dentro di lei, sta promuovendo e amplificando le accuse di "bullismo" contro una donna che è stata lei stessa fondamentalmente costretta a spulciare nel Regno Unito per proteggere la sua famiglia e la sua salute mentale.

Patrick J.Adams difende Meghan Markle

L'attore e produttore della nota serie tv continua la sua arringa, supportata da molti utenti, nel difendere Meghan Markle descrivendola come "una persona gentile, premurosa, entusiasta e collaborativa, anche quando la sua fama cresceva sempre di più" aggiungendo: "Tutte qualità che possiede ancora adesso". Non è poco l'affetto che trasuda da queste parole, dove la moglie di Harry Windsor appare come una donna volitiva, sicura di sé, altruista e sempre pronta ad intervenire dinanzi alle ingiustizie. Parlando del suo ingresso nella famiglia reale, l'attore dichiara: "Ha provato ad entrare in una dinamica familiare che nel migliore dei casi può essere definita complessa, e nel peggiore arcaica e tossica". I tweet continuano e anche gli attacchi alla monarchia più famosa d'Europa:

Mi ha disgustato leggere l'infinito razzismo, le calunnie, il clickbaiting al vetriolo vomitato nella sua direzione da tutti i tipi di media nel Regno Unito e nel mondo. […] Questo nuovo capitolo e la sua tempistica sono solo un altro esempio sbalorditivo della sfacciataggine di un'istituzione che ha superato la sua importanza, che è molto al di sotto della credibilità e apparentemente in bancarotta per la decenza.