Pau dei Negrita ha parlato per la prima volta del cancro che colpì sua moglie Stefania Cortellazzi ben otto anni fa. In un'intervista a Il corriere della sera, il frontman dei Negrita ha confessato che fu un momento molto delicato, una doccia fredda che gli fece capire cosa fosse davvero la paura: "Mi cadde il mondo addosso. Ho scoperto cosa sia la paura. Se adesso torno a condividere questa storia è perché mia moglie è stata scaltra a riconoscere subito che quel neo si era trasformato e non ha esitato a recarsi dai medici. Si cura all’Istituto Europeo di Oncologia di Milano".

Da quella paura che gli devasto l'anima nacque il bellissimo brano Brucerò per te, che in pochi capirono si riferisse a una circostanza privata così dolorosa: "In pochi hanno capito che si parlava di amore e malattia. All’inizio ho tenuto il problema privato. Poi stava condizionando la mia vita e ho detto “vaff…”. Ne parlerò usando il mio media, la musica. Il passaparola è stato velocissimo e ho ricevuto tante email intelligenti. Si sono trasformate anche in rapporti epistolari. Esperienze così importanti come la malattia vanno condivise, per alleggerirne il peso".

Pau, all'anagrafe Paolo Bruni, ha frequentato con sua moglie Stefania Cortellazzi l’Istituto per il restauro del legno di Anghiari. Si sono messi insieme nel 1985 e nel 1999 hanno deciso di sposarsi. A parlare del loro incontro e dell'attuale partecipazione al Festival di Sanremo 2019 è stata proprio lei al Corriere di Arezzo: “Quando sono saliti sul palco mi sembravano tutti bravissimi e bellissimi. Non avrei mai pensato, ma mi sono emozionata. Mi arrivavano messaggi da ogni parte, la canzone è piaciuta […] Non mi va di parlare di politica. E’ un testo che può essere interpretato in più modi. Prima di tutto non è banale e nemmeno negativo. Fin dalla prima volta mi ha trasmesso speranza. Mi auguro che ciò che ha dato a me, lo possa dare ad ognuno di voi. Penso che sia una delle più belle canzoni”.