Attimi di tensione in volo per Harry e Meghan, ospiti del charter Qantas che li stava riportando da Tonga a Sydney. Il principe d’Inghilterra e sua moglie stavano viaggiando su un Boeing 737 quando, pochi istanti prima dell’atterraggio, qualcosa non ha funzionato. All’interno dei video pubblicati in rete si vede il velivolo perdere gradualmente quota, fino a prepararsi agli ultimi metri di atterraggio. A pochi istanti dal momento in cui avrebbe toccato terra, l’aereo ricomincia a riprendere quota, chiaro segnale del fatto che qualcosa non deve avere funzionato.

I motivi dell’atterraggio rimandato

La manovra effettuata a pochi istanti dall’atterraggio era stata precedentemente concordata dal pilota Nigel Rosser con la torre di controllo. A spiegarla un tweet della giornalista Rebecca English del Daily Mail: “C’era un altro aereo sulla pista, che era stato lento nelle operazioni di rullaggio. Eravamo troppo vicini, così è stata presa la decisione di abortire l’atterraggio per evitare rischi”. Dopo avere ripreso quota, l’aereo ha effettuato qualche altro giro nel cielo di Sydney prima di poter atterrare, una volta ottenuta la pista libera.

Il video pubblicato da uno dei passeggeri

Il video pubblicato da uno dei passeggeri del volo – Simon Atkinson, giornalista della BBC – mostra gli attimi di paura comprensibilmente vissuti a bordo dell’aereo. Dal finestrino si vede il Boeing avvicinarsi a pochi metri dal suolo poco prima di riprendere inaspettatamente quota. Qualche istante di tensione è comprensibile e non solo perché a bordo dell’aereo viaggiava la bella Meghan, incinta del suo primo figlio. Va inoltre sottolineato che si tratta del secondo problema in volo nel giro di poche settimane. Prima di Sydney, circa 15 giorni fa, l’aereo a bordo del quale viaggiavano Harry e Meghan ad Amsterdam era stato colpito da un fulmine.