Lo shock per Kim Kardashian non si è esaurito. Il ricordo della terribile esperienza di ottobre, quando la moglie di Kanye West è rimasta vittima di una rapina con aggressione a Parigi, nella sua camera d'albergo. Per due mesi la regina dei social è rimasta lontana dai riflettori, persino da quei canali che tanto celebre l'hanno resa, con un ritorno avvenuto solo pochi giorni fa, il primo post su Instagram e la prima intervista. In quell'occasione Kim Kardashian aveva parlato per la prima volta della rapina nel corso di Keeping Up With A Kardashians, il reality realizzato sulla sua famiglia: "Stavano per spararmi alla schiena, non avevo vie d'uscita", ha detto in lacrime, circondata dalle sue sorelle. In quello stesso trailer si vede la Kardashian ricevere la telefonata in cui le viene annunciato il ricovero del marito per esaurimento nervoso. Ma per Kim sono arrivate liete notizie, per quanto liete si possano definire, per Kim Kardashian: nel corso della notte sono state arrestate sedici persone nel quadro delle indagini sulla rapina ai danni di Kim Kardashian a Parigi nell'ottobre scorso. Gli arresti sono avvenuti nella regione parigina e provincia.

Kanye West abbandona il concerto

Abbastanza clamorosa la reazione di Kanye West al momento dell'annuncio della rapina. Il marito di Kim Kardashian era Meadows Festival, non appena ricevuto la notizia ha interrotto il concerto dicendo: "Mi spiace, ho un'emergenza familiare. Devo interrompere lo spettacolo". Il portavoce della coppia aveva lasciato una dichiarazione ufficiale in cui affermava che la Kardashian aveva detto di essere "molto scossa, ma fisicamente incolume".