L'attore Roberto Farnesi è uno dei volti più noti della televisione, interprete di vari ruoli che hanno conquistato il cuore dei telespettatori. Da Cento Vetrine alle Tre rose di Eva, fino a Il Paradiso delle Signore nella sua versione daily. In un'intervista rilasciata al settimanale Gente l'attore si è raccontato, parlando della sua vita privata e anche di uno spiacevole episodio che lo ha visto protagonista.

Roberto Farnesi vittima di stalking

Con il suo nuovo ruolo ne Il paradiso delle Signore, la fiction di Rai1 che ha riscosso un clamoroso successo in termini di ascolti e di pubblico, Roberto Farnesi è tornato in pianta stabile nelle case degli italiani. Il fascinoso attore toscano, in un'intervista rilasciata al settimanale Gente ha raccontato, senza nascondere la preoccupazione per quanto è accaduto, di essere stato vittima di stalking da parte di una sua fan. La donna avrebbe completamente perso la testa per lui tanto da presentarsi insistentemente al ristorante di sua proprietà aperto sull'Aurelia, dal nome Il Ristoro-La Bottega del Parco, ma non solo. Infatti l'attore racconta di averla trovata anche nel giardino della sua abitazione, senza contare il fatto che la stalker avrebbe utilizzato diverse identità fittizie per contattarlo sui social network. La questione è finita in tribunale e si attende una sentenza definitiva, intanto Farnesi commenta così la vicenda: "Essere vittima di questo reato significa sentirti pesantemente condizionato. Sei sempre sul chi vive, le tue abitudini e i tuoi ritmi di vita ne risentono. E tutto a causa di una persona che nemmeno conosci". 

Il desiderio di avere un figlio

Nel frattempo la sua vita privata, nonostante questi momenti di tensione, procede a gonfie vele: da cinque anni è fidanzato con la giovane Lucya Balestro. Li separano 24 anni di differenza e la storia è stata anche contestata più volte, dal momento che i due hanno iniziato a frequentarsi quando lei aveva appena 21 anni. L'amore e la complicità non mancano in questa coppia, tanto è vero che l'attore non ha esitato ad esprimere quelli che sono i suoi desideri e i suoi progetti futuri, da realizzare accanto alla sua compagna:

A luglio ho compiuto 50 anni e ho un grande desiderio: avere un figlio. Al matrimonio sono allergico, non sono abbastanza religioso per credere al sacramento e non mi sposerei nemmeno civilmente perché un contratto tra due persone che si amano è senza senso. Ma un figlio sì, lo vorrei, coronerebbe un legame forte, quello tra me e la mia compagna Lucya. La differenza d’età, 24 anni, non mi spaventa: è la stessa che c’era tra mio padre e mia madre che si amarono fino all’ultimo giorno di vita di lui ed ebbero 4 figli, io sono l’ultimo, nato quando papà aveva 56 anni. Ma io non voglio aspettare così tanto. Attendo solo che Lucya si stabilizzi sul lavoro, poi ci proveremo.