Savannah Phillips, 7 anni, è diventata la nuova star del web al Trooping the Colour 2018, tradizionale cerimonia per festeggiare il compleanno della Regina Elisabetta II. Prima pronipote della regina madre, Savannah ha zittito il suo cuginetto George, che forse un giorno sarà re ma al momento deve sottostare alle angherie dei suoi coetanei, soprattutto se parenti.

Il meme di George con Savannah

Dopo il broncio sfoggiato al matrimonio di zio Harry con la bellissima zia Meghan Markle, è diventato protagonista di un altro meme, stavolta suo malgrado. Immortalati sul balcone di Buckingham Palace per la tradizionale parata aerea del Trooping the Colour, organizzata ogni anno per il festeggiamento del compleanno della regina Elisabetta II, i cuginetti hanno dato spettacolo, fissati da uno sconcertato William, alle loro spalle.

È probabile che George, distratto e voglioso di giocare, stesse parlando troppo e allora Savannah ha provato a zittirlo, prima con il dito sul naso, facendogli cenno di tacere, e poi, mali estremi estremi rimedi, direttamente con una mano sulla bocca. Giochi infantili e goliardici, poco frequenti in pubblico nell'ambito della famiglia reale d'Inghilterra.

Chi è Savannah Phillips

Savannah è figlia di Peter Phillips, primogenito della principessa Anna, secondogenita della regina e del principe Filippo. La mamma è la canadese Autumn, sposata nel 2008 nella St. George Chapel di Windsor. È nata il 29 dicembre 2010 nel Gloucestershire Royal Hospital, ed è la pronipote maggiore della regina. Nella linea di successione al trono, appena nata, era 12esima, ma ad oggi, con la nascita dei cugini George, Charlotte e Louis, è scesa inesorabilmente al quindicesimo posto.

A fronte di questa posizione di riguardo, la piccola non possiede un titolo reale perché i genitori di Peter Phillips, la principessa Anna e il capitano Mark Phillips, quando nacque nel 1977 rifiutarono l’offerta della regina di donare al bambino un titolo reale. Stessa cosa accadde tre anni dopo, quando venne al mondo la loro seconda figlia, Zara.