212 CONDIVISIONI
17 Agosto 2020
22:59

Serena Enardu dopo la svastica sulla torta: “Non ho commesso un reato. Ho ricevuto minacce di morte”

Serena Enardu con un lungo sfogo tramite Instagram, torna a parlare della bufera nata in questi giorni in seguito ad uno scatto in cui lei e la sorella si mostrano sorridenti dietro ad un torta su cui c’è una bandierina con una svastica. L’influencer dichiara: “Io non ho commesso nessun reato, ma chi mi minaccia di morte e mi appella in maniera oscena sì, non mandatemi messaggi minatori, il mio telefono finirà in procura”. L’ex gieffina, quindi, sembra intenzionata ad agire legalmente.
A cura di Ilaria Costabile
212 CONDIVISIONI

Negli scorsi giorni Serena ed Elga Enardu sono finite al centro di un'accesa polemica in seguito ad uno scatto che le vedeva sorridenti posare dietro una torta con al centro una svastica. Immediatamente la foto ha fatto il giro del web e non sono mancati i commenti negativi e indignati di fronte a questo gesto, ed è proprio in risposta a chi l'ha aggredita nel corso di queste ore che la ex corteggiatrice di Uomini e Donne, tramite delle storie su Instagram, ha dichiarato che prenderà dei provvedimenti per coloro che l'hanno apostrofata in malo modo o le hanno rivolto minacce di morte.

Lo sfogo di Serena Enardu

Serena Enardu non nasconde la sua rabbia per quanto è accaduto nei giorni scorsi e su Instagram non esita a sfogarsi e fare delle ulteriori precisazioni su quanto è accaduto, rimarcando più volte di non aver commesso alcun reato, ma di essere stata vittima di tanti reati, dal momento che in molti le hanno scritto commenti e messaggi terribili. L'influencer sarda, infatti, dichiara senza timore:

Buongiorno a tutti, io ero in ferie, ma la mia superficialità mi ha messo nella condizione di affrontare questa situazione assurda, però le cose non mi scivolano addosso. Sono stata appellata come ignorante, in mille modi, da giornalisti, influencer, laureati, che prima di aprire la bocca non hanno dato una lettura alla legge, perché io non ho commesso nessun reato, ma ne ho subiti diversi. Io non starò ferma a guardare, mi dicono fra un po' non se ne parlerà più, invece no, se ne parlerà ancora perché mi hanno attribuito un reato che on ho fatto. le persone che mi hanno insultato, minacciato di morte, appellandomi in maniere oscene che non mi riguardano, forse non lo sanno, ma stanno commettendo un reato. Quindi adesso smetterò le mie ferie e dedicherò del tempo a guadagnare qualcosa da voi. Non è giusto che mi appellano come ignorante. Vi invito a finirla di mandarmi messaggi minatori, perché il mio telefono andrà in procura.

Lo scatto della torta con la svastica e le scuse

Serena ed Elga Enardu sono finite al centro di una polemica per una foto postata sui social nelle scorse ore in cui si sono fatte ritrarre vicino a una torta di compleanno su cui campeggia una bandierina con una svastica. In queste ore molti siti, blog e pagine social hanno riportato lo scatto sottolineando la scelta inopportuna di condividere l'immagine pubblicamente, contestando alle due ex troniste di Uomini e Donne di non aver considerato la presenza del simbolo sulla torta. Poco dopo l'innescarsi della bufera entrambe si sono precipitate a sottolineare il loro distacco da quel gesto, fatto con leggerezza: "Mi scuso per la superficialità, per non aver valutato nell'immediato la cosa, che abbiamo condiviso con i nostri follower superficialmente."

212 CONDIVISIONI
Adriana Volpe attacca Serena Enardu per la torta con la svastica: "Una svista? Una svastica!"
Adriana Volpe attacca Serena Enardu per la torta con la svastica: "Una svista? Una svastica!"
Bufera su Serena ed Elga Enardu per la foto con la svastica sulla torta, le scuse: "Ci dissociamo"
Bufera su Serena ed Elga Enardu per la foto con la svastica sulla torta, le scuse: "Ci dissociamo"
Miriana Trevisan: "Serena Enardu non è stata sincera con Pago, ma ora lo vedo sereno"
Miriana Trevisan: "Serena Enardu non è stata sincera con Pago, ma ora lo vedo sereno"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni