È stato uno dei protagonisti indiscussi di Uomini e Donne (reduce dalla finale del Gf Vip 2018). Corteggiato ed ambito, il tronista Andrea Damante ha avuto occhi solo che per lei: Giulia De Lellis. La loro storia durata quasi due anni non ha però avuto il lieto fine. I due si sono detti addio lasciando sconcerto tra schiere di fan (insieme contano quasi 5 milioni di follower). Oggi il veronese è ritornato a parlare dalle pagine di Vanity Fair della sua passata relazione con la influencer italiana più seguita del momento. Un'intervista in cui si è raccontato senza remore.

Il ricordo di Giulia De Lellis

Pare che i rapporti tra Andrea Damante e Giulia De Lellis non siano dei migliori. La coppia è scoppiata lo scorso aprile, con tanto di rottura ufficiale (e crisi di panico delle fan che già speravano nei fiori d'arancio) diramata a mezzo social. Anche se i Damellis si sono detti addio (non rendendo note le motivazioni della separazione) la loro rimane una storia importante. Sarà per questo che Andrea ha voluto fare un passo indietro e commentare la sua relazione chiusa ormai mesi fa, non senza difficoltà.

Io e Giulia siamo stati insieme due anni, di cui quattro mesi vissuti in televisione con un inevitabile coinvolgimento del pubblico, poi diventato fan. La nostra è stata una storia bellissima, vera e pura e credo che questo sia piaciuto a chi ci segue. Perciò i fan mi guardano e non riescono a non figurarsi Giulia. È un po’ come quando io vedo Katie Holmes e non riesco a non pensare a Dawson’s Creek.

Dal mondo della musica ad Mtv: il successo di Andrea Damante

L'ex tronista, accantonata la sua esperienza televisiva negli studi di Uomini e Donne, ha avuto una vera e propria consacrazione nel mondo della musica. Affermato dj e musicista, il suo nome è uno dei più richiesti e il suo successo sembra quasi inarrestabile. Non solo dj, ma presto anche presentatore. Andrea Damante è infatti pronto a prendere il timone della conduzione di Mtv 18 of ’18, (in onda domenica 16 dicembre alle 20 sul canale 130 di Sky) una sorta di classifica in cui è chiamato a ripercorrere i 18 brani più forti dell’anno. Un passo importante per l'ex pupillo di Maria De Filippi che ha segnato l'inizio di una nuova carriera e che ha messo insieme la sua passione per la musica con quella della tv.

Il commento sul trap Sfera Ebbasta

Andrea Damante, in quanto musicista, ha rilasciato anche una dichiarazione su Sfera Ebbasta e sulla tragedia avvenuta alla discoteca La Lanterna Azzurra di Corinaldo. Il veronese, sempre dalle pagine di Vanity Fair, ha voluto commentare le polemiche nate sui testi del trap:

Penso che, se dovessimo imputare una qualche responsabilità sociale alla musica, allora dovremmo mettere alla gogna il mondo intero: tutto, o quasi, dovrebbe essere diseducativo. Il punto, credo, non sono i testi, più e meno volgari, più e meno aggressivi. Il punto sono i ragazzi. Credo si dovrebbe fare una sorta di prevenzione, educare i ragazzini sin da piccoli perché, quando alle prese con qualche frase di troppo, trasgressiva o che, abbiano gli strumenti per capire che si tratta di finzione, che nulla è da prendere alla lettera. Il sistema, nella sua interezza, dovrebbe essere rivisto. E, magari, certi temi andrebbero affrontati nelle scuole, già con i bambini di 8-10 anni.