Belén Rodriguez è stata ripresa dal sito Tabloit durante un acceso dibattito con il fotografo Alan Fiordelmondo. Per strada, a Milano, la nota showgirl argentina ha avuto da ridire rispetto la presenza fissa e costante dei paparazzi al suo seguito. Una vita che non è più una vita per lei che, da personaggio pubblico, ha sì accettato il compromesso della visibilità, sebbene sia esausta di dover condividere ogni momento, scelta o criticità improvvisa con gli obiettivi dei fotografi per strada.

Fatemi venti foto e poi lasciatemi stare  non fatemi foto tutto il tempo. Io non vivo più. Sai cosa vuol dire uscire di casa ogni giorno e avere persone che ti spiano 24 ore su 24? Io sto uscendo di testa, sto andando a vivere in campagna. Fatemi dieci foto e poi lasciatemi camminare. Avete il culo? avete le tette? E allora non mi fate le foto tutto il tempo. Perché sono Belén e allora mi rovini la vita? Sono 12 anni che va avanti così.

L'intervento dalla D'Urso e le foto con Corona rubate

Un rispetto della privacy che a Belén Rodriguez viene totalmente a mancare nel momento in cui, stando alle sue parole, le vengono scattate foto a ripetizione, finché non rientra a casa. La showgirl fa anche riferimento al fatto che Fiordelmondo sia intervenuto sulla questione anche a Pomeriggio 5, da Barbara D’Urso (con la quale è noto che i rapporti non siano dei migliori), e che siano circolate foto, con titoloni a tutta pagina, del suo incontro con l'ex Fabrizio Corona: “Ma che servizio è? lo dico sempre. Vi odio, è vero, siete il mio incubo. Io vado dallo psicologo, non riesco a camminare. Io vivo come dentro un film con i paparazzi che mi seguono. Voglio fare un ca**o mio, voglio vedere Fabrizio? (Corona, ndr) No non posso”.

Lo sfogo diventa, via via, sempre più intenso e la bella Belu, come la chiamano in famiglia, non le manda di certo a dire: "Io non vivo più, mi avete rubato la vita. Non mi fate le foto fino all’ingresso di casa. State facendo un servizio in cui vi dividete i guadagni, se continuate a fare i servizi in cinquanta fotografi io sclero, divento pazza e voi non guadagnate una lira. Questo è il senso di ‘Morirete poveri’. Io sono cruda nel dire le cose perché sono argentina e in Argentina parlano tutti come me, come a Napoli. È nella nostra cultura”.

La risposta su Michelle Hunziker

Punto cruciale dello scontro per strada è stato quando Alan Fiordelmondo le ha risposto a tono, puntualizzando che altri personaggi famosi, come Michelle Hunziker, non se la sono mai presa così a male, pur avendo puntualmente i paparazzi sotto casa. Al che, Belén Rodriguez, ha replicato: “Perché a lei piace, A lei piace! Michelle va in depressione se non ha i paparazzi intorno. Lo sapete bene, lei ha sempre il sorriso”.

Le scuse a Michelle Hunziker per la frase infelice

Poche ore dopo, probabilmente avendo anche realizzato lo sfogo improvviso avuto per strada, Belén ha pubblicato nelle stories su Instagram le scuse a Michelle, avendola anche già debitamente chiamata:

Voglio chiedere scusa umilmente a Michelle perché in preda ad un momento di nervosismo che ormai non riesco più a gestire ho detto una cattiveria colossale che non penso. Sono stata trascinata da un malessere che ho da parecchi anni ormai, che non riesco più a gestire, purtroppo non posso più accettare di essere pedinata 24ore su 24 dai paparazzi, e questo mi crea uno scompenso mentale. ed è per questo motivo che viaggio tanto e cerco di stare lontana da casa. Ma dopo questo episodio dovrò sicuramente fare un percorso di terapia perché così faccio male solo a me stessa. Ho chiamato Michelle mortificata e ho trovato una persona che invece di essere arrabbiata mi ha abbracciata e capita, e anche se non ci sono giustificazioni all’accaduto, la ringrazio perché mi ha dato un’ulteriore lezione di vita. Me ne vergogno come una ladra, chiedo scusa ancora e ancora, e mi dispiace davvero tanto. Belén *L’ultima cosa: con questi paparazzi non mi scuso e non lo farò mai.

E Michelle Hunziker ha laconicamente risposto alle scuse di Belén Rodriguez con una foto in un'altra story di Instagram, nella quale ha scritto: "Ti voglio bene per come sei".