Marco Borriello considera il rapporto con Belén Rodriguez definitivamente concluso. Il campione e la showgirl sono stati fotografato insieme a Ibiza questa estate tanto che si pensava addirittura che ci fosse un ritorno di fiamma in corso. Il fidanzamento con Andrea Iannone ha messo la parola fine a quelle illazioni, con Borriello e Belén che hanno smesso di vedersi.

Intervistato dal Corriere dello sport, il campione ha chiesto di mettere la parola fine a quella storia. Quell’incontro a Ibiza ha sancito il loro ultimo avvicinamento. Da quel momento in poi, tra loro non ci sarebbe stato nemmeno un sms:

Che noia, cosa altro dobbiamo dire di Belén? Io non ho bisogno di gossip, anzi il gossip mi ha solo danneggiato. Ibiza è così, ci si vede con gli amici, e non posso neanche dire che io e Belén lo siamo: con lei è dura esserlo, ogni cosa diventa un teatrino. E comunque da sposata o fidanzata com'è adesso, zero rapporti: mai neanche un sms. Se capita di incontrarsi si ride e si scherza: ci legano bei ricordi ma sono lontani, ormai non mi suscita più nessuna emozione.

Borriello: “Per l’amore vero rinuncerò al calcio”

Marco è single, diversamente da Belén che oggi ama Iannone. La sua ultima fidanzata nota è stata Camila Morais. Dopo è rimasto single per scelta:

Al rito del matrimonio sì, sono allergico: non credo e non sto con una donna per contratto, piuttosto faccio un festone come Ronaldo. Ma se l'ultima fidanzata è stata Camila Morais e sono single da cinque anni è per scelta. Perché la mia vita da calciatore è noiosa e odio l'idea di poter annoiare una donna e perché sono predisposto solo a godermi gli ultimi anni di carriera. Se domani dovesse arrivare il grande amore, rinuncerei: per amore del calcio, non di me stesso. Ho amato e so che amerò di nuovo ma ora non riesco a vedermi padre, anche se mi piacerà avere uno o due Borriellini in giro per casa. O magari una Borriellina, perché le figlie fanno più coccole.

Infine, oltre a raccontare la sua prima volta, Borriello specifica di non essere un amante del sesso fine a se stesso:

La mia prima volta? Nei bagni della scuola a Milano, con la sorella di una compagna di classe: in realtà fu una mezza volta, record di velocità. Il vero esordio a Treviso – c'erano le navi scuola – ma anche se si pensa il contrario non mi sono mai sprecato. Ho avuto donne bellissime, famose e non famose: potrei permettermene molte di più, però non mi piace fare ginnastica e basta, senza connessione mentale. Conta anche l'odore di una donna, come si muove, come pensa: non faccio sesso se non sento l'energia che dico io.