Flavio Briatore ha presenziato all'incontro ‘Prospettive a Mezzogiorno' tenutosi a Otranto. L'imprenditore ha parlato di quelli che reputa i limiti della Puglia, quando si tratta di attrarre turisti facoltosi.

"Masserie e casette, villaggi turistici, hotel a due e tre stelle, tutta roba che va bene per chi vuole spendere poco ma non porterà qui chi ha molto denaro. Ci sono persone che spendono 10-20mila euro al giorno quando sono in vacanza ma a questi turisti non bastano cascine e masserie, prati e scogliere: vogliono hotel extralusso, porti per i loro yacht e tanto divertimento".

E proprio a Otranto sta sorgendo uno stabilimento balneare che sembra rispettare i criteri enunciati da Briatore. Ciò, però, non basta. L'imprenditore – che negli ultimi mesi è stato nell'occhio del ciclone per un presunto ritocchino – ha dichiarato: "Lo stabilimento è un posto bellissimo che però non può vivere da solo. Servono anche strade per arrivarci, aeroporti, infrastrutture che rendano facile raggiungerlo. […] Il ricco vuole tutto e subito. Io so bene come ragiona chi ha molti soldi: non vuole prati né musei ma lusso, servizi impeccabili e tanta movida". Infine, ha aggiunto: "Servono alberghi di lusso sul mare".

La replica di Loredana Capone: "Non autorizzeremo la costruzione di strutture sul mare"

Le parole di Briatore hanno diviso i presenti tra chi trovava interessante il modello da lui proposto e chi, invece, era in totale disaccordo con lui. Loredana Capone, assessore regionale alle Attività produttive ha replicato:

"Non autorizzeremo la costruzione di altre strutture sul mare".

Intanto, il marito di Elisabetta Gregoraci ha dato un consiglio ai sindaci salentini: "Non importa che un sindaco sia di destra o di sinistra, l'importante è che abbia la visione d'insieme del territorio e che scelga una strategia".