Luigi Mastroianni replica alla diretta postata da Sara Affi Fella su Instagram. L’ex corteggiatore e poi scelta a Uomini e Donne della campana fa sapere di avere trovato sospetto il fatto che Nicola Panico fosse tanto informato a proposito di quanto accadeva in una relazione di cui, in teoria, avrebbe dovuto sapere solo ciò che è stato raccontato pubblicamente. Mastroianni non fa mai il nome dell’ex rivale ma è chiaro che si riferisca a lui quando si dice perplesso:

Trovo stupido e ridicolo che si intromettano altre persone in questa faccenda, ma qualcuno, in base a come ha parlato, sembrava essere abbastanza documentato. Sono perplesso. Io ho anticipato di un giorno il nostro incontro per lasciarla? No, io l’ho fatto perché volevo vederla e parlarle, ma ho trovato una persona fredda. E non è vero che lei ha provato a riallacciare i rapporti, lei parla di screenshot, ma che li pubblicasse questi screenshot perché fa solo ridere. Non è vero che è stata invitata una sola volta a Catania, per fortuna ci sono Giordano Mazzocchi e Nilufar Addati che sanno tutto e possono raccontarlo! Quarantotto ore dopo la scelta l’ho invitata a venire giù da me, doveva venire per un matrimonio, ma poi non è venuta non so per quale motivo. È vero che era dalla nonna, ma è anche vero che lei è tornata a casa di pomeriggio e avrebbe avuto tutto il tempo di prendere un volo da Napoli a Catania. A volte nella vita è solo questione di volontà.

Quello che non è accaduto a telecamere spente

Luigi torna sulle accuse di Sara che ha biasimato la sua scelta di raccontare pubblicamente quanto non è accaduto tra loro a telecamere spente: “Sono stato accusato di essere poco signore perché ho spiattellato la mia intimità su un giornale. In realtà, è stata proprio la signorina Affi Fella al magazine la scorsa settimana a dichiarare di essere una ragazza all’antica e di non aver fatto niente con me. Questo volevo dichiararlo anche al suo ex fidanzato che è stata lei a dirlo. Questo aspetto non è da condannare e non l’ho mai fatto, anzi, sono stato il primo a dire che è un valore aggiunto su una donna e io ero strafelice di questa cosa ed ero strafelice di aspettarla. La mia ex l’ho aspettata per molto tempo, quindi figuriamoci”.

Le colpe che Luigi attribuisce a Sara

Luigi attribuisce a Sara alcune colpe, tenendone altre per sé. Sostiene di essersi aspettato troppo e di esserci rimasto male nel costatare di non essere ricambiato allo stesso modo: “A me non va di fare una guerra. Io avrò avuto delle colpe, la più importante è averci creduto fin troppo. Pretendevo? Dopo aver fatto per 7 mesi la corte a una ragazza, pretendevo almeno affetto, attenzioni, pretendevo una fidanzata e forse ho sbagliato in questo. Vuol dire che ho sbagliato io perché avevo delle aspettative altissime. Sono molto stanco di tutto questo, perché dopo 7 mesi e più tutto mi aspettavo meno che questo. Sono dispiaciuto, come credo lo sia anche lei, però che io non c’abbia messo l’impegno non si può dire e lo avete visto tutti, anche perché l’unico che si è mosso a riguardo sono stato solo io. Mi dispiace che oltre il danno, anche la beffa e non mi sia riconosciuto nemmeno questo. Però non ci sono né vittime, né carnefici. Non ha funzionato e va bene, però io ho solo raccontato come sono andate le cose, non l’ho infangata”. Ancora amareggiato per come sono andate le cose, prosegue:

Capisco che voglia andarci piano, ma se ti piace una persona, dopo 7 mesi alcune cose le fai, tipo baci, abbracci, carezze. Lei no, lei giustificava tutto con “Sono fatta così!”. Diceva che voleva del tempo, ma secondo me era questione di disinteresse. Quando l’ho lasciata non l’ho fatto perché volevo lasciarla. Non ero convinto, cercavo solo una reazione in lei. Reazione che non c’è stata, se non in negativo, perché tutto quello che mi ha detto è stato: “Allora accompagnami a casa. Io con le persone che non mi vogliono, non ci sto!”. Anche quando le ho spiegato che era solo una provocazione, la situazione non è cambiata. Il fatto che ci fossimo lasciati in buoni rapporti è un po’ una leggenda, può pubblicare l’ultimo messaggio che ci siamo mandati a riprova… visto che ha ribadito mille volte che ha gli screenshot! Poi mi fa sorridere che “Luigi era assente, ma mi ha lasciato lui“. Mi viene da ridere. È vero che ritardavo nel rispondere ai messaggi, ma io sono una persona che non sta h24 attaccato al cellulare, soprattutto quando sono a Catania e lavoro, ma le ho sempre risposto, però per lei questo era un problema! Posso però dire che ho fatto sempre tutto per vederla, sono andata sempre io a Roma e a Venafro, lei doveva venire da me venerdì e io volevo vederla subito, quindi ho fatto di tutto per andare il martedì anche se quella sera avevo un impegno.

I problemi di salute e l’invito a smetterla con gli insulti

Luigi replica anche a proposito delle dichiarazioni che Sara ha fatto durante la diretta Instagram in relazione a quei problemi di salute che Mastroianni non le avrebbe comunicato: “Il motivo per cui sono stato in ospedale non è dipeso da Sara, ho avuto una ricaduta da stress perché ho problemi miei personali. Pensavano fosse qualcosa di più grave, mi hanno tenuto sotto controllo un pomeriggio, ma poi mi hanno dimesso. Non sono santo, avrò le mie colpe, magari non ci siamo capiti per 3000 motivi, ma dire che ero disinteressato fa ridere. Stravedevo per Sara e lo avete visto tutti, figuratevi se non avevo voglia di conoscerla fuori. Ho bisogno di una donna matura, molto matura. Non ci sono né vittime, né carnefici, ma vi faccio riflettere su un’altra cosa: Sara ha detto di non aver saputo niente del fatto che stavo male, ma lei non era quella iperpresente che mi telefonava sempre? Tra l’altro, io su Instagram l’ho scritto dopo, lei lo ha saputo prima da una persona, mentre era a Ibiza, quando nessuno ancora sapeva niente. Poi, quest’altra cosa del business: mi ha accusato di fare il deejay, ma io l’ho sempre fatto! Sicuramente dopo Uomini e Donne ho acquisito più notorietà e faccio più serate, ma lei lo sapeva sin dalla prima puntata cosa facevo io nella vita. Infine, la storia della casa a Roma? È vero che ho preso casa per motivi logistici, ma è anche vero che ho preso casa perché volevo un rapporto con lei ed era più comodo fare Roma-Venafro, piuttosto che Catania-Venafro”. Infine, conclude con un invito ai fan affinché cessino gli insulti spesi sui social ai danni della Affi Fella:

Smettetela di insultarla, perché gli insulti non sono produttivi e non portano a niente, se non all’odio e non fa bene a nessuno. Meno cattiveria: siamo due ragazzi di 20 anni che si sono lasciati, ma non muore nessuno. Ci sta la delusione, sono d’accordo con voi, ma la morte non si augura nemmeno al proprio peggior nemico.