Nicki Minaj è diventata mamma per la prima volta. La star di "Anaconda" ha dato alla luce il suo primo figlio, nato dall'amore con il marito e cantante Kenneth Perry. Nonostante sui social non sia arrivata nessun annuncio ufficiale da parte della coppia, una fonte avrebbe rivelato la notizia in via esclusiva al magazine americano People. Secondo la fonte, il bebè è nato nella giornata di mercoledì 30 settembre a Los Angeles, ma ancora non si conoscono né il sesso né tantomeno il nome. Il sito di gossip Tmz, ha raccontato che Kenneth Perry, attualmente in carcere con l'accusa di aver stuprato una ragazza, avrebbe chiesto al giudice un permesso speciale per spostarsi anche fuori dagli orari del coprifuoco ed essere presente al momento del parto.

L'annuncio della gravidanza

Qualche mese fa alcuni fan si erano insospettiti notando le curve della cantante, ma lei aveva smentito ogni ipotesi di gravidanza: "Il mondo non è ancora pronto". Lo scorso luglio poi, è arrivato l'annuncio ufficiale, Nicki Minaj ha fatto sapere ai suoi fan di essere incinta. La "twerking queen" ha postato sul suo profilo Instagram una serie di scatti con indosso parrucche colorate, tacchi a spillo, bikini con pietre incastonate e un inequivocabile pancione. D'altronde in passato, la rapper aveva già espresso il suo desiderio di avere un figlio. In un'intervista al magazine Complex nel 2014 aveva dichiarato: 

La mia più grande paura è che sarò così consumata dal lavoro che dimenticherò di vivere la mia vita personale al massimo […]. Sicuramente mi sposerò prima di avere il mio bambino. Voglio assicurarmi di farlo in quell'ordine. Mi sono sempre sentita così fin da quando ero giovane; mia madre me lo ha sempre messo in testa.

Perché Kenneth Perry è in carcere

Così è stato, visto che Nicki Minaj si sarebbe sposata in segreto con Kenneth Petty, soprannominato "Zoo", ad ottobre del 2019, giusto in tempo prima della gravidanza. Quella con il rapper però è una storia piuttosto turbolenta, visto che lui al momento si trova in carcere in California, con l'accusa di aver tentato di stuprare una ragazza. Un episodio che risale al 1995, che gli è costato lo status di "sex offender", ovvero "molestatore" da parte delle autorità.