Georgette Polizzi si sfoga sui social, lamentando le domande indelicate che spesso le vengono poste dai suoi follower. La stilista nota in televisione soprattutto per la partecipazione a Temptation Island è sempre stata molto aperta sui lati più delicati della sua vita personale, dall'infanzia durissima con la morte della madre alla scoperta della sclerosi multipla, diagnosticatale qualche anno fa. Quello che però è per lei intollerabile è l'insistenza con cui molti fan, in modo a dir poco inopportuno, le chiedono perché lei e il marito Davide Tresse non hanno ancora avuto figli.

Lo sfogo di Georgette Polizzi

La Polizzi parla di "denuncia sociale" senza mezzi termini e pubblica una foto in cui mostra il dito medio in segno di protesta, "Perché io sono sempre quella dei messaggi forti e che restano impressi". Difficile darle torto, vista la sua situazione delicata: Georgette aveva già svelato di non poter avere figli in modo naturale e anche l'adozione non è fattibile, visti i suoi problemi di salute.

Pubblicando la maggior parte della mia vita sui social, sono abituata a ricevere offese, complimenti, consigli non richiesti e opinioni imposte. Spesso però, chi si nasconde dietro ad un messaggio si dimentica che dall'altra parte c’è una persona normale, con i suoi problemi, i suoi pensieri, le sue scelte, il suo carattere e la sua salute. Quasi ogni giorno ricevo messaggi come “sei incinta?”, “Perché non fai un figlio?”, “a quando un bambino?”, “non è ora di avere un figlio?!”, “perché non adottate?!”. Io dico BASTA. Basta con queste domande scomode, che spesso infieriscono con una situazione già delicata di per sé!! Basta con le solite insinuazioni, con i pareri non richiesti e con domande sfacciate, a volte non so con che coraggio riusciate a farle! Ogni volta vi rispondo per educazione che per me è un discorso difficile e voi ve ne uscite con un “adottalo no!”, come se fosse un “perché la pasta non la fai al pomodoro invece che al pesto?!”. Soffro di una malattia neurodegenerativa e l’adozione è impossibile.

Come sta Georgette, le ultime notizie sulla malattia

Poche ore dopo questo sfogo, la Polizzi è tornata a scrivere su Instagram, aggiornando i fan sulle sue condizioni di salute. Per fortuna, è arrivata una buona notizia sull'andamento della sclerosi: "Oggi mi hanno comunicato che l’esito della risonanza cerebrale e spinale che ho fatto a metà giugno è… NEGATIVO, quindi “lei” sta dormendo! Questa risonanza ha più valore per me, rispetto alle altre, perché sto facendo da mesi un percorso terapeutico importante". Era il 2018 quando Georgette confessò di essere malata, in seguito a un improvviso ricovero e a una paralisi che le bloccò l'uso delle gambe. Armata di grande ostinazione, ritornò a camminare in quattro mesi. Oggi continua la sua battaglia quotidiana fatta di cure intense e tanta forza di volontà.

DENUNCIA SOCIALE!! Posto questa foto oggi per protesta! Perché io sono sempre quella dei messaggi forti e che restano impressi. Pubblicando la maggior parte della mia vita sui social, sono abituata a ricevere offese, complimenti, consigli non richiesti e opinioni imposte. Spesso però, chi si nasconde dietro ad un messaggio si dimentica che dall’altra parte c’è una persona normale, con i suoi problemi, i suoi pensieri, le sue scelte, il suo carattere e la sua salute. Quasi ogni giorno ricevo messaggi come “sei incinta?”, “Perché non fai un figlio?”, “a quando un bambino?”, “non è ora di avere un figlio?!”, “perché non adottate?!”. Io dico BASTA. Basta con queste domande scomode, che spesso infieriscono con una situazione già delicata di per sé!! Basta con le solite insinuazioni, con i pareri non richiesti e con domande sfacciate, a volte non so con che coraggio riusciate a farle! Ogni volta vi rispondo per educazione che per me è un discorso difficile e voi ve ne uscite con un “adottalo no!”, come se fosse un “perché la pasta non la fai al pomodoro invece che al pesto?!”. Soffro di una malattia neurodegenerativa e l’adozione è impossibile. Oggi parlo a nome di tante donne stanche di questa superficialità, dal canto mio ho anche scritto un libro raccontando questa parentesi dolorosa. Leggetelo e capirete tutto, si chiama I Lividi Non Hanno Colore. #stopasking

A post shared by GEOᖇGETTE ᑭOᒪIᘔᘔI ® (@georgettepol) on