A pochi giorni dalla sua nascita, il Royal Baby è il bambino più chiacchierato del mondo. Dalle foto con Harry e Meghan al primo incontro con la regina, il piccolo Archie ha già vissuto il brivido di essere al centro del clamore mediatico. Eppure, nonostante sia figlio di un principe, il nuovo arrivato della famiglia reale non potrà godere di tutti i privilegi di cui hanno goduto i suoi cugini, figli di William e Kate.

Nessuna tata per il Royal Baby

Le prime notizie riportate sui giornali britannici parlavano di una tata altamente qualificata, che avrebbe avuto il compito di accudire il bambino nei suoi primi mesi di vita, ma a quanto pare, il fatto di essere settimo in successione al trono, non gli consentirebbe di godere di questo regale trattamento. La famiglia reale, infatti, prevede da protocollo che vi sia una persona chiamata appositamente per occuparsi dei nuovi nati. Archie Harrison, come tutti i bambini del mondo, verrà accudito dalla nonna, la madre di Meghan Markle, Doria Ragland, stabilitasi nel Regno Unito qualche settimana prima del parto. Solo dopo il periodo di maternità di Meghan, potrebbe arrivare una tata, probabilmente non stipendiata da Buckingham Palace. Inoltre, la residenza in cui vivrà la famiglia del principe Harry non sarà Kensigton Palace, ma la location di campagna di Frogmore Cottage, dove il secondogenito di Lady Diana ha rilasciato le prime interviste, subito dopo il parto della moglie.

Il trono sarà solo un sogno

Le regole che gestiscono la gerarchia della successione al trono sono ben precise, non è possibile commettere errori a riguardo. Il piccolo Archie Harrison, essendo il settimo in linea di successione, vedrà il trono da molto molto lontano, ma non solo quello. Mentre i figli di William e Kate potranno, qualora volessero, gestire e diventare testimonial delle associazioni benefiche fondate dai genitori, ovvero le Heads Together e Tusk Trust, che si occupano rispettivamente della salvaguardia dell'ambiente e del benessere mentale e della fauna in Africa, il primogenito di Harry e Meghan non potrà usufruire di questa opportunità. Altra sostanziale differenza sarà il titolo a cui potrà ambire il Baby Sussex, che non avrà mai il titolo di principe e dovrà quindi scegliere un lavoro, una carriera autonoma che si discosti dalla sua appartenenza alla famiglia reale; come d'altra parte è accaduto alle cugine di William e Harry, Eugenia e Beatrice di York, che sono impegnate in attività che nulla hanno a che fare con il loro titolo nobiliare.