136 CONDIVISIONI
25 Luglio 2017
18:17

Kasia Smutniak: “La morte di Taricone fu uno dei momenti in cui imparai a stare da sola”

Si definisce sociopatica Kasia Smutniak, una donna a cui la vita ha insegnato a stare da sola. A segnare il suo cammino anche la morte di Pietro Taricone, padre di sua figlia: “Quello è stato uno dei momenti, non l’unico”.
A cura di Stefania Rocco
136 CONDIVISIONI

Una sociopatica. È così che si definisce Kasia Smutniak, una donna a cui la vita ha insegnato a stare da sola, tanto da indurla a ricercare oggi quel tipo di isolamento anche nel quotidiano. Intervistata dal Corriere della Sera, l’attrice, una tra le più apprezzate nel panorama cinematografico italiano, traccia un profilo della vera sé, quella che vive lontana dalla luce dei riflettori:

Ho tanti amici ma sono una sociopatica, sempre di più. Ho trovato il piacere di stare bene con me stessa, ho imparato a viaggiare da sola, a vivere delle esperienze da sola, anche da madre. Credo sia importante. Per esempio, viaggiando sola ho imparato tanto su me stessa. Se lo fai con qualcuno c’è sempre la sua opinione su quello che vivi e quindi quanto rimane davvero della tua alla fine?

Ammette che la morte di Pietro Taricone, padre di sua figlia Sophie, ha rappresentato uno dei momenti, non l’unico, in cui è stata costretta a mettere in pratica quanto aveva imparato:

Mi è capitato: ho dovuto farlo, ho dovuto capire come non avere sul groppone la mia vita ma farmela piacere. Quello (si riferisce alla morte di Pietro) è stato uno dei momenti, non l’unico. Ho iniziato a lavorare a 15 anni e sono andata via da casa a 18: lì ho dovuto imparare.

Oggi cerca di ritagliarsi del tempo per se stessa, anche organizzando viaggi solitari:

I miei figli sono tranquilli perché per loro è sempre stato così… siamo tutti un po’ zingari, poco attaccati alle cose, ai doveri. Ogni tanto, staccarmi da tutti mi piace.

Kasia Smutniak è la compagna di Domenico Procacci

Accanto a Kasia c’è oggi Domenico Procacci, produttore cinematografico. L’attrice non parla di quella relazione, preferendo concentrarsi sui suoi figli:

Quando ho partorito la prima figlia e me l’hanno portata in braccio ho avuto una sensazione fortissima: ho iniziato a pensare che da quel momento la mia storia sarebbe stata in funzione della sua, era una cosa nuova per me. L’idea del “per sempre” mi spaventa, invece lì non ne scappi.

Sophie e Leone, nato nel 2014 dal legame con Procacci, le hanno capovolto la vita:

Ti capovolge il mondo, altro che punto di vista. E una cosa bellissima. Ma lì è un altro discorso: il senso vero della vita e bla bla bla, sembrano tutte banalità.

Il suo cambiamento, però, sarebbe avvenuto in gran parte dopo la nascita del suo secondogenito: “Nel frattempo tutto era cambiato, sono cambiata e tanto io, come donna”. Oggi, quando pensa al futuro, Kasia si immagine anziana e soddisfatta, una donna matura con zaino in spalla e lo sguardo rivolto al futuro:

Non vedo l’ora. Chissà quante cose posso imparare, quante esperienze: tutto si riempirà della libertà di poterle vivere. A 20 anni devi impegnarti per il tuo futuro, a 30 arrivano le responsabilità, i figli, i mutui, ma sei ancora un bambino. Io voglio essere lontana da questo, voglio diventare una vecchietta in forma, una vecchietta con lo zaino… ne ho incontrati tanti: hanno fatto tutto e quindi possono prendersi del tempo per loro. Curiosi, coraggiosi e finalmente liberi. Ecco, voglio essere così.

136 CONDIVISIONI
“Moglie e Marito”, lo scambio di ruoli tra Kasia Smutniak e Pierfrancesco Favino
“Moglie e Marito”, lo scambio di ruoli tra Kasia Smutniak e Pierfrancesco Favino
"Perdeva mer*a come le oche", gli audio incriminati del caso Gubbio: Kasia Smutniak ride con le lacrime
Gf Vip, marcia indietro di Edoardo Donnamaria : “Amo Antonella”, Fiordelisi: “Voglio stare sola”
Gf Vip, marcia indietro di Edoardo Donnamaria : “Amo Antonella”, Fiordelisi: “Voglio stare sola”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni