17 CONDIVISIONI

La pupa e il secchione: i percorsi mentali di Francesca Cipriani, il video

Francesca Cipriani viene analizzata a La pupa e il secchione 2010 a causa delle sue assurde acrobazie mentali.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di alessia mancini
17 CONDIVISIONI
la pupa francesca

Tanti ci hanno scritto ponendo ancora dei dubbi sulla Cipriani”, con queste parole Paola Barale spiega il motivo della presenza in studio di Francesco di Fant, esperto in linguaggio del corpo.

Il professore conferma la sincerità dell’ex gieffina, definendola un’anima candida. La padrona di casa, però, non contenta lancia un video di Francesca Cipriani a La pupa e il secchione per manifestare ai telespettatori le acrobazie mentali della pupa.

Il breve filmato inizia con la gaffe su Italo Bocchino un bolognese sporcaccione e ripercorre il flusso logico del pensiero dell’ex gieffina, diventata ormai una delle pupe più chiacchierate del comedy show.

luce

In Mai dire pupa e secchione la vulcanica Francesca Cipriani scoprì l’America. Ora la concorrente è alle prese con argomenti storici ben più impegnativi: le crociate, lo scisma, il rinascimento.

Le spiegazioni della pupa sono al limite dell’assurdo e Bianco, nonostante l’impegno profuso per permetterle di migliorare, sembra arrendersi all’evidenza dei fatti: Francesca Cipriani è irrecuperabile.

Al termine del video il secchione ormai esasperato dalle chiacchiere della sua compagna di stanza afferma: “Me la cambiate con una muta?”.

Alessia Mancini

17 CONDIVISIONI
La pupa e il secchione 2010: la nuova pupa Francesca Cipriani va in Bianco, il video
La pupa e il secchione 2010: la nuova pupa Francesca Cipriani va in Bianco, il video
La pupa e il secchione video daytime: Francesca Cipriani abbandona?
La pupa e il secchione video daytime: Francesca Cipriani abbandona?
La pupa e il secchione 2010 finalisti: Francesca Cipriani e Bianco
La pupa e il secchione 2010 finalisti: Francesca Cipriani e Bianco
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni