Nilufar Addati ha accettato di tornare nello studio di Uomini e Donne per ammettere tutte le sue colpe e raccontare la sua versione della storia fatta esplodere da Stefano Guglielmini. Priva dell’abituale lucidità, l’ex tronista del dating show condotto da Maria De Filippi ha ammesso tutto, tenendo la mano di Giordano Mazzocchi che ha deciso di non abbandonarla. Una confessione inquietante la sua, che sembrerebbe lasciare intendere che dietro ci sia più di quanto è stato raccontato. Accolta dagli applausi di quelli che continuano a sostenerla, l’ex tronista ha raccontato:

Io comincio il trono libera. Dopo circa un mesetto, verso dicembre, comincia questa simpatia, e a fine dicembre c’è stato questo primo bacio. Capodanno insieme, è vero quello che è stato detto. Dal momento in cui lui è venuto qua, io non ero interessata tanto ai ragazzi che c’erano. Era un periodo un po’ strano, io volevo abbandonare, non so neanche io in realtà che cacchio frullava nella testa bacata che mi ritrovo. E ho fatto la stronzata più grande che ho fatto in 20 anni di vita, penso. Io vengo a sapere che lui aveva intenzione di dire tutto e io in quella situazione mi cago letteralmente addosso e, quindi, in realtà cercavo modi per tenermelo buono. Allora non sapevo come gestirla, come non lo so neanche ora, quindi fondamentalmente settimana dopo settimana mi sono incartata sempre di più in questa situazione. Ci sono due motivazioni per cui lui è andato via: uno, perché io non lo volevo più, due per la questione del padre, perché lui non stava uscendo positivamente in questa situazione. A un certo punto c’è stata una telefonata in cui lui diceva che non sapeva come avrebbe potuto reagire a miei eventuali baci in puntata, quindi io lì, sempre per tenermelo buono, gli feci pure una telefonata dicendo che probabilmente sarebbero arrivati, sempre per paura e terrore. Mi domando perché è uscito tutto ora, dopo mesi che non ci sentiamo. Io sono stata molto male per questa cosa e lo sanno in pochi, io in questa situazione mi sento piccola così. Ho 20 anni, ho fatto una stronzata immane, il senso di colpa mi sta mangiando, dal 23, che penso sia stato il giorno più brutto della mia vita, per altri motivi, e più che fare un mea culpa e chiedere perdono, non so realmente cosa fare.

Le parole di Giordano Mazzocchi

Giordano è rimasto in silenzio per tutta la durata del racconto della sua fidanzata. Ha scelto di parlare solo quando interpellato, trovandosi in evidente difficoltà. Per il momento, la sua intenzione resta quella di rimanere accanto a Nilufar: “Io l’ho presa un po’ peggio di lei. Un po’ scosso per tutto quello che è successo. Per come sono fatto io, adesso mi sento di stare vicino a lei. Chiaramente dentro di me è cambiato qualcosa, non lo nego. La situazione mi tocca e non mi tocca: non mi tocca perché lei me l’ha sempre detto quando siamo usciti da qui che l’interesse mio le è nato dopo, però erano altrettanti mesi che io stavo qua per lei. Mi ritrovo un po’ in questa situazione che non riesco a capire nemmeno io, però quello che mi sento adesso è di stare vicino a lei”.

Le lacrime dell’ex tronista che lascia intendere fatti gravi

Nilufar si è sciolta in lacrime solo verso la fine del suo racconto, quando è stata paventata la possibilità che Stefano Guglielmini, in quel momento dietro le quinte, entrasse in studio. Maria De Filippi l’ha tutelata, specificando che c’era un accordo secondo il quale se lui avesse deciso di entrare, sarebbe stato permesso alla Addati di uscire. A quel punto, l’ex tronista ha fatto sapere che resta qualcosa che preferisce non raccontare e che affronterà in tribunale, supportata dai suoi legali:

Non vengo qua per spiegare quello che poi è successo, perché fa parte della mia vita privata. In questo momento mi sento anestetizzata. […] In questa settimana con Giordano disperatamente lottavo contro me stessa per dirglielo… piangevo e lui se n’è accorto. Quando poi è successo, sono successe molte altre cose. Non c’è alcuna giustificazione per questa cosa, ce l’ho a morte con me stessa perché sono stata cretina, stupida… nelle mie intenzioni ora c’è solo recuperare con lui, ora, a due settimane dalla scelta. Recuperare me, che ho un po’ i pezzi sballati, mi reggo sulla rabbia. […] Io non sono qui oggi per giustificarmi, ma per scusarmi. Quello che ho fatto non si toglie. Poi non potevo andare da nessuna parte perché lui riceveva delle telefonate e si presentava lì dov’ero ogni volta e io me ne dovevo andare, ecc ecc… […] Questa è una situazione che andrà avanti in tribunale, ci sono gli avvocati di mezzo, io non posso e non voglio affrontare quella persona perché mi ha fatto troppo male. Io non voglio degenerare, perché questa situazione mi sta portato a degenerare e a dire cose che non è il caso di dire. […] Non sono nella situazione psicologica per poterlo affrontare: mi sto facendo seguire da uno psicologo, è successa una cosa molto grave e io non ne voglio parlare, perché non è giusto. Ci sono cose che non vanno toccate! Per la mia salute, non per altro.

La speranza di ricominciare

L’ultima parte del suo discorso si è concentrata sul rapporto con Giordano con il quale spera di ricominciare. Si augura che riescano a recuperare quanto si è spezzato tra loro: “Io me lo sto vivendo in questi giorni e so come sta e il mio senso di colpa va in particolar modo a lui. Io su quello sono stata cretina: all’epoca non credevo che mi potesse piacere. Ora mi sta vivendo da due settimane ed è consapevole di ciò che provo nei suoi confronti. Io mi sono tatuata una ‘G‘ sul braccio. Lui è l’unica cosa che desidero… mettere a posto me, perché in questo momento non sono a posto, e subito dopo mettere a posto lui”.

Il primo post della Addati dopo la puntata

Una volta tornata a casa dopo la puntata, Nilufar ha scritto un lungo post su Instagram rivolto proprio a Giordano. Mostrando finalmente il tatuaggio a lui dedicato, si è scusata ancora e ha espresso il desiderio di poter riprendere in mano la sua vita e la loro storia: “Sono caduta e non in piedi,sono caduta nel modo peggiore in cui potessi cadere. Sono stata presuntuosa e ho pensato per un po’ di poter essere invincibile, sbagliando. Ho ferito, ho mentito e deluso. Posso solo scusarmi all’infinito, chiedere perdono, perché per il resto sono impotente e non c’è altro da fare. Ammettere i propri sbagli e cercare di andare avanti. Farò tutto quello che è in mio potere per recuperare anche l’impossibile, perché ho tra le mani l’amore più puro che io abbia mai incontrato nella mia vita. Grazie perché ci sei stato quando tutto il mondo non c’era,nel giorno più brutto della mia vita, per sempre sulla mia pelle, G.”. Tra i commenti del post è arrivato proprio quello di Giordano: “Nonostante tutto, il vero coraggio è ammettere i propri errori”.