Manuel Galiano ha raccontato la sua verità sulla rottura con Giulia Cavaglià. L'ex corteggiatore di Uomini e Donne, accusato di aver tradito la tronista, ha fornito una versione dei fatti molto diversa in un'intervista rilasciata all'autrice Raffaella Mennoia su Witty. "Non sono uscito di casa per un mese, dopo che è uscita ‘sta cosa", ha esordito un delusissimo Manuel, "Mi dava fastidio che pensassero di me quello che non sono. Mi son detto: preferisco starmene da solo, magari con mia nonna, che non mi giudica". Poi, il racconto delle prime settimane insieme a Giulia, che – a suo dire – sin dall'inizio avrebbe dimostrato scarso interesse nei suoi confronti.

Ci siamo divisi un giorno, lei aveva organizzato una settimana di appuntamenti lavorativi a mia insaputa. Tornato a Torino, ho cominciato a capire la situazione. Finché c'erano gli amici, mi abbracciava. Quando eravamo a casa, esistevano solo il cane e il lavoro per lei. Manuel non esisteva. Il suo pensiero era quello di guardare il telefono e vedere salire i follower. In pubblico era in un modo, quando eravamo noi due da soli era un’altra persona. Alla seconda settimana gliel'ho detto: devo capire se mi vuoi bene. Io speravo di innamorarmi di lei. La sua risposta è stata: Sappi che io non mi innamorerò mai di te. Me l'ha detto dopo una settimana.

Giulia interessata solo al business, secondo Manuel

Insomma, secondo Galiano, la Cavaglià avrebbe portato avanti con lui una relazione per puro interesse, al fine di accrescere la propria popolarità sul web. Senza mezzi termini, Manuel la descrive come una ragazza ambiziosa e decisa e conoscere personaggi famosi, ma senza reali sentimenti nei suoi confronti.

Sono andato a Monaco con un mio amico, lei è partita con amici per Nizza. Le ho chiesto di venire la sera a Monaco da me, ma ha preferito stare con loro. Lei non è mai venuta a Savona da me, andavo solo a Torino da lei. Voleva fare una cena con uno famoso. Cosa me ne importa di fare una cena con uno che non conosco? Senza nulla togliere a questo ragazzo, se non me lo diceva lei non sapevo manco chi fosse. Lì sono cominciate le prime litigate. Volevo andare un giorno a Torino da lei, ma mi ha detto che suo papà stava male. Poi scopro che la sera era in discoteca con le amiche. Era come se io non esistessi. Stavo capendo che a lei non gliene fregava niente di me.

Cosa è successo a Ibiza

Quindi, Galiano ha finalmente spiegato cosa sarebbe davvero accaduto a Ibiza, in merito alle accuse di tradimento nei confronti di Giulia. "Il viaggio a Ibiza io l'avevo prenotato fin da gennaio", ha dichiarato, "ancora prima di Uomini e Donne. Ovviamente le ho chiesto di venire e lei stessa mi ha detto: ‘Ti raggiungo'. Non è vero che ho organizzato senza dirle niente, gliel'ho detto subito dopo la scelta. Parto e già il primo giorno mi insulta dicendo che urlavo nelle storie di Instagram e ai brand non sarebbe piaciuto. Lì ho cominciato davvero a innervosirmi. Vado a mangiare con gli amici, faccio festa e lei non si fa sentire. La chiamo io il giorno dopo e lei risponde "Ho da fare, ciao". E allora io mi sono davvero rotto". Poi, il gossip secondo cui lui si sarebbe visto con un'altra in discoteca:

Mi arrivano messaggi di gente sconosciuta con foto di Giulia che usciva da un locale insieme a un ragazzo. Lei ha negato e ha iniziato a insultarmi, parlandomi di una ragazza che era davanti a me in una storia e avevo inquadrato per sbaglio. Era uscito il gossip di me con un'altra. Gossip che è uscito ancora il quarto giorno per via di un'ombra presente in una storia, hanno creduto che avessi baciato una ragazza, ma non era vero. Mi hanno scambiato per un altro ragazzo, ho smentito. Lei mi fa: "Posso anche darti il beneficio del dubbio e crederti. Fatto sta che io con te non voglio più stare". Mi ha lasciato per cellulare dicendo che sono una persona troppo diversa da lei. Nonostante questo volevo prendere un volo per parlarle. La sua amica la avvisa e lei mi manda un vocale in cui mi insulta.

L'ultimo incontro e la scoperta: Giulia ha un altro?

Concluso il viaggio, Manuel avrebbe comunque voluto raggiungere Giulia a Torino: "Arrivo sotto casa, lei mi fa aspettare un'ora. Poi mi dice: ‘Chi ti ha dato il permesso di varcare il mio cancello?'. Le dico tutto quello che ho da dirle, negando di averle fatto le corna. Lei ha ribadito che siamo persone diverse: ‘Sei troppo stupido, non capisci le cose'. La mando a quel paese e il giorno dopo mi arrivano le sue storie in cui fa la vittima, dicendo che non la trattavo come meritava". Infine, il colpo di scena finale.

Mi scrive una mia amica di Torino. Mi dice di essere andata in una discoteca col fidanzato, e di aver conosciuto un amico di lui che gli ha presentato la sua ragazza. E quest'ultima era Giulia. Lei ha detto: "Ci vediamo da tre settimane, ma non lo possiamo ancora dire". Così ho capito perché spariva. Da quel giorno non l'ho mai più sentita, non ci sentiamo dai primi di luglio. L'unica colpa che posso darmi è che dovevo capire che forse in vacanza a Ibiza potevo evitare di andarci. Ma con la coscienza pulita, mi dicevo: perché non devo andarci? Giulia ha scelto me perché Giulio Raselli l'avrebbe "smaronata" subito. Io no, io sono buono. Se la vedessi adesso, le direi che mi dispiace per la persona che è, sono fortunato a essermela tolta dalla mia vita.