Si sarebbe impiccato con la cinta del suo accappatoio Anthony Bourdain, lo chef americano di fama mondiale trovato morto l'8 giugno nella sua camera d'hotel in Francia. L'ipotesi suicidio è emersa sin dalle prime ore, ora confermata con tanto di dettagli dal procuratore che sta svolgendo le indagini Christian de Rocquigny. Le autorità francesi sono certe che si sia trattato di un gesto estremo: "Non c'è alcun elemento che ci faccia sospettare che qualcuno sia entrato nella stanza". Inoltre, non c'erano segni di violenza sul suo corpo. È in corso un esame tossicologico per trovare eventuali tracce di alcol o sostanze nel suo organismo.

Devastata la compagna Asia Argento

Bourdain era il compagno da oltre un anno dell'attrice Asia Argento. La coppia appariva molto unita, tanto che il cuoco protagonista di molti programmi tv aveva sostenuto pubblicamente la Argento nella sua battaglia (contestatissima) contro le molestie nel mondo dello spettacolo, dopo la denuncia delle violenza subita da Harvey Weinstein. Addolorata per il dramma che sta vivendo, lei ha affidato il suo cordoglio in un breve messaggio social, prima di chiudersi in silenzio stampa: "Anthony dava tutto se stesso in ogni cosa che faceva. Il suo spirito brillante e privo di paure ha toccato e ispirato tante persone, e la sua generosità non conosceva limiti. Era il mio amore, la mia roccia, la mia protezione. Sono più che devastata. I miei pensieri sono per la sua famiglia. Chiedo di rispettare la loro privacy e la mia".

Inspiegabili le cause del gesto

Restano tuttora ignote, almeno a livello pubblico, le cause del gesto. Bourdain aveva un passato turbolento fatto di consumo di droghe, ma ormai archiviato da tempo. Si trovava all'hotel Le Chambard a Kaysersberg, per girare una puntata del suo show Parts Unknown. A rinvenire il suo corpo, è stato l'amico chef Éric Ripert.

Chi era Anthony Bourdain

In Italia era molto conosciuto per la storia con Asia Argento, ma Bourdain era un cuoco televisivo popolarissimo in tutto il mondo, per i viaggi ai quattro angoli del globo alla ricerca delle pietanze più esotiche e trasmissioni come "Parts Unknown", "Top Chef" e "No Reservations". Senza dimenticare i best seller: in "Kitchen Confidential" e "Don't Eat Before Reading This" aveva raccontato in modo dissacrante il mondo folle della cucina e della ristorazione.