Nuove complicazioni nella gravidanza di Chiara Ferragni, a meno di un mese dal parto che è previsto entro il 7 aprile. Nulla di grave, per fortuna, ma la fashion blogger più famosa del mondo è stata costretta a trascorrere, ieri, un'intera giornata in ospedale. Al suo fianco, ovviamente, c'era Fedez, che non l'ha lasciata sola per un attimo e ha trascorso con lei le lunghe ore di preoccupazione. Il tutto, come di consueto, è stato raccontato dalla coppia sui loro social.

Abbiamo passato tutto il giorno  in ospedale dopo una visita di controllo perché il liquido amniotico di Leo era più basso del previsto… Dopo aver concluso il monitoraggio siamo tornati a casa. Sono così contenta che Fede e i miei amici mi abbiano fatto ridere per non preoccuparmi… E che mia mamma stia arrivando a Los Angeles.

I problemi in gravidanza di Chiara Ferragni

Gli ultimi mesi di gravidanza sono stati difficili per la Ferragni, che si sta sottoponendo a frequenti visite di controllo. A febbraio, per via di un problema legato alla placenta, lo sviluppo del feto si è rallentato e le è stato prescritto assoluto riposo. Chiara ha annullato tutti gli impegni (Notte degli Oscar compresa) e si è dedicata completamente all'arrivo di Leone. Qualche giorno fa, l'esperta di moda ha rassicurato tutti i fan spiegando che il piccolo Leo è tornato a crescere.

Perché la blogger partorirà a Los Angeles

In molti, forse, si chiedono perché la Ferragni abbia deciso di far nascere il suo bambino a Los Angeles (la città in cui si è trasferita tempo fa, anche se vive gran parte dell'anno in Italia) e non nel suo Paese. Non si pensi a una scarsa fiducia nei confronti della sanità italiana: in questo modo, secondo la legge americana che applica il cosiddetto Ius Soli, Leone avrà automaticamente sia la cittadinanza statunitense che quella italiana.