Riccardo Fogli è stato uno dei concorrenti dell'ultima edizione dell'Isola dei Famosi, dove ha vissuto dei momenti difficili, non soltanto dal punto di vista del gioco, ma anche emotivamente. L'episodio che lo ha visto protagonista, innescato dalle illazioni di Fabrizio Corona su un presunto tradimento della moglie, è stato tra i più dibattuti in tv, lo scorso inverno. A distanza di un mese dalla fine del reality, il cantante, in attesa di girare per l'Italia con il suo nuovo tour, in una lunga intervista per Adnkronos ha raccontato la sua esperienza, senza tralasciare proprio quei momenti di profonda sofferenza.

La questione Fabrizio Corona

Il primo ricordo pensando alla sua permanenza sull'Isola riguarda le sensazioni che quel luogo gli ha provocato: "Sento ancora nelle orecchie il profumo, l'odore e il sapore del mare. Andare all"Isola dei Famosi' è stata una esperienza bellissima, ho visto un'acqua e una terra ideale, ci porterei a vivere anche la mia famiglia, magari in un bungalow a 2 kilometri da lì e con qualche chicco di riso in più " sono senza dubbio i pensieri migliori, quelli che non rievocano momenti difficili. Ma la questione "Fabrizio Corona" non può essere evitata a lungo.

Il volto emaciato e provato dalle dichiarazioni disarmanti del noto imprenditore del gossip è rimasto impresso come riassunto iconografico di questa edizione del reality di Canale 5. Riccardo Fogli ricorda gli istanti in cui ha ricevuto questa doccia gelata in diretta tv e non ha potuto sottrarsi al meccanismo televisivo:

Ero dentro e non capivo l'entità del dramma familiare che si stava creando, ho una bambina di 7 anni che un giorno prenderà l'iPad e leggerà che qualcuno ha accusato la mamma di aver tradito il papà quando era all"Isola'. Questo è insopportabile e condannabile sotto ogni punto di vista, al di là dell'audience. Non esiste audience sul dolore altrui‘. Se mettono a nudo i fatti della mia famiglia ben venga, se dicono che ho una moglie di 30 anni più giovane è un fatto, se dicono che ho un passato, che mi sono sposato, che ho lasciato i Pooh va tutto bene, ma inventarsi delle cose che fanno male alla famiglia l'ho trovata una cosa disonesta e inappropriata. 

Fogli mostra una certa indignazione per quanto avvenuto con Corona e non ha remore nel dichiarare ciò che pensa riguardo l'ex fidanzato di Belen, sottolineando le sue condizioni di salute non proprio ottimali :

È stato molto cattivo, anzi inutilmente cattivo. Sono sicuro che se avesse preso l'aereo e fosse venuto in Honduras, guardandomi negli occhi, non avrebbe avuto il coraggio di dirmi quelle cose. Mi sono sentito usato ingiustamente, non solo io ma soprattutto la mia famiglia. Io pesavo 13 chili di meno e guardavo questo piccolo schermo posto a un metro e mezzo da me, non capivo cosa stesse succedendo, insomma, stai uccidendo un uomo ferito e disarmato e questa è una cosa sleale, ma non voglio andare oltre

L'Isola come sfida

L' ex componente dei Pooh dichiara di aver ritenuto la partecipazione all'Isola come un'occasione da non farsi scappare, infatti ricorda il momento in cui si è sottoposto ai provini: "Ho pensato ne approfitto adesso che sono ancora giovane, perché io sono un plurimaratoneta, salto da una roccia all'altra, da un albero all'altro, vado a cavallo e non ho paura di soffrire la fatica e la fame, per cui non mi ha assolutamente spaventato l'idea di andare sull'Isola". 

Tutti i suoi compagni di avventura hanno ammirato il suo essere combattivo. Riccardo Fogli ha mostrato nel corso della permanenza in Honduras una forza d'animo, oltre che fisica, invidiabile. Si è sempre messo in gioco a 360°, senza mai tirarsi indietro, anche nei momenti di maggiore difficoltà, non si è mai arreso davanti alle prove da superare, si è sempre rialzato, sebbene abbia dovuto confrontarsi con delle dinamiche nuove, lontane dalla vita di ogni giorno. Il dover continuamente pescare e procacciarsi del cibo in una condizione climatica estrema, che l'ha portato a perdere molto peso e a stare male anche dopo la conclusione del noto reality, oltre alle complicate dinamiche umane, legate ai rapporti per nulla idilliaci con il blocco ‘antagonista' formato da Marina La Rosa e Luca Vismara, hanno senza dubbio alimentato una forma di malessere e, al contempo, sviluppato una crescita interiore fuori da ogni previsione iniziale.

I legami con i naufraghi

Nel ricordare i giorni vissuti in Honduras è sembrato inevitabile non citare gli altri naufraghi, con cui ha condiviso momenti di tensione, ma anche di affiatamento. Fogli ammette di aver legato particolarmente con Stefano Bettarini, che ha definito un gentiluomo e una persona meravigliosa. Spende poi qualche parola per la novella coppia, Jeremias Rodriguez e Soleil Sorge, lasciando trapelare anche un po' di dolcezza: "Appena sono arrivati ci siamo innamorati. Sono diventato il loro nonno, quando sono entrati non sapevano niente dei meccanismi del programma, non avevano una coperta e io ho diviso con loro le mie cose".

Sono stati questi rapporti a dargli la forza di continuare fino all'ultimo momento, pur essendo lontano da casa e dai suoi affetti. Il calore umano, sincero, che ha potuto cogliere nel coltivare questi legami è stata la miccia che ha permesso alla sua persona di non perdere mai, o quasi, quel fuoco e quella vitalità che gli hanno permesso di godere, pienamente, di un'esperienza unica come l'Isola dei Famosi.