Non si arresta l'eco delle affermazioni di Giulia De Lellis al Grande Fratello Vip accusate di omofobia. Sul controverso argomento è intervenuta un'altra delle protagonista uscite da Uomini e Donne: parliamo di Rosa Perrotta, che nelle ultime ore ha suscitato un vero e proprio putiferio per un video in cui ironizza sul caso De Lellis. Nel filmato di Instagram Stories, la ex tronista inscena uno sketch con una coppia di amici omosessuali e la didascalia che appare sul video non lascia spazio a dubbi: "Loro sono gay. Altri invece sono omofobi. O meglio, stro**".

Le dichiarazioni di Giulia De Lellis sui gay

La frase incriminata di Giulia è ormai storia: "Se in discoteca c’è uno che conosco di vista e mi chiede un tiro di sigaretta, e non so se è gay o un drogato, io pur di non fumarla più gliela lascio, dico ‘non mi va più'". L'infelice affermazione, che sembrerebbe sostenere come un omosessuale sia automaticamente portatore di malattie, è costata a Giulia una durissima reprimenda da parte di Alfonso Signorini, co-conduttore del Gf Vip. Il pubblico è diviso tra chi vorrebbe la De Lellis fuori dalla trasmissione e chi sostiene che sia stata semplicemente fraintesa e la sua frase fosse priva di intento offensivo.

Il video di Rosa Perrotta

Nel dibattito si inserisce anche la "collega" di UeD Rosa, che nel video (visibile in alto) scherza con una coppia gay offrendo loro una sigaretta. Quando questi gliela restituiscono, la Perrotta la rifiuta: "Tienila, omaggio della casa". L'attacco diretto alla frase della De Lellis è lampante. Immediato l'intervento dei fan di Giulia, che hanno preso le difese della loro beniamina. Il video di Rosa, nel frattempo diffuso in modo virale sul web, è stato addirittura segnalato da qualche sostenitore della concorrente del Gf Vip.

Rosa chiarisce con un post

In un successivo post, sempre su Instagarm Stories, Rosa ha chiarito di non avere nulla di personale contro Giulia De Lellis, ma di aver semplicemente criticato un atteggiamento da lei ritenuto negativo e molto pericoloso: "Io avrei ironizzato comunque su una cosa così. Ero a cena con dei miei amici gay e ovviamente si parlava dell'argomento. Nonostante non abbiano trovato carine le parole che si sono usate, come credo nessuno di noi, il senso non era bacchettare la persona che nello specifico le ha usate… è irrilevante. La storia era per ironizzare su una cosa, ridicola e paradossale, il cui senso era ‘stiamo attenti a quello che diciamo perché, seppur senza malizia, rischiamo di urtare sensibilità e dare messaggi sbagliati'".