Fanpage.it ha raggiunto Rosa Perrotta che, insieme al compagno Pietro Tartaglione, ha partecipato alla scelta di Teresa Langella avvenuta al castello. L’ex tronista di Uomini e Donne ha vissuto con la collega di trono i momenti difficili segnati dal no di Andrea Dal Corso, quella lunga attesa vana che ha reso palese il suo rifiuto. Dispiaciuta per com’è andata a finire, racconta: “La scelta al castello è molto più impegnativa che la scelta in studio. C’erano i genitori e i parenti di Teresa, quindi il no che ha ricevuto è diventato ancora più pesante. C’erano i suoi familiari presenti che avevano affrontato il viaggio per poter gioire con lei e invece si sono ritrovati nella condizione di doverla consolare. Ricordo che c’erano i suoi nonni, partecipi e felici per questa nipote. Vedere il tutto concludersi con un no è stato pesante”. Un retroscena. Durante la scelta si è vista la Langella rimproverare i suoi parenti. “Non cominciate a fare i Tarzan” ha detto loro la tronista, benché la telecamere non avesse fatto rilevare nulla di strano. È la Perrotta a svelare i motivi della sua rabbia:

Fa un po’ ridere questa cosa. In pratica, si era capito che Andrea non sarebbe arrivato e si è generato un po’ di scompiglio. Nell’agitazione generale, forse qualche parente avrà fatto qualche minaccia e lei ha cercato di placare gli animi di queste persone che avevano cominciato ad arrabbiarsi per l’assenza di Andrea.

I 30 minuti di attesa

Rosa ricorda che sono trascorsi non meno di 30 minuti prima che diventasse chiaro che Dal Corso non si sarebbe presentato: “L’attesa che arrivasse Andrea è durata tanto, troppo. Sono passati i primi 20 minuti dal momento in cui è stato annunciata la possibile entrata della scelta. Siamo rimati in attesa altri 10 minuti prima che arrivasse il biglietto. Credevamo tutti fosse stato lui a scriverle, solo dopo abbiamo scoperto che si trattava di suo padre. Ripeto, è stato davvero bruttissimo vedere un’altra donna in quelle condizioni. Sono onesta: quando sono arrivata al castello e mi è stato chiesto cosa pensavo, avevo già detto che quello di Andrea sarebbe stato un no. Va analizzato il suo percorso in trasmissione e chi è lui, una persona che non aveva scelto di corteggiare Teresa già all’inizio. Era arrivato a Uomini e Donne per un’altra, nella conoscenza con Teresa si è ritrovato, non l’ha cercata. Poi sono troppo diversi, hanno stili di vita completamente differenti. Vengono da realtà troppo difficili da far incontrare”.

Le impressioni sul percorso di Andrea

Rosa confessa di essere stata certa fin dall’inizio che quello di Andrea sarebbe stato un no: “Non ho mai creduto alla sincerità di Andrea e al fatto che fosse davvero interessato a Teresa. Due cose mi sono dispiaciute in particolare. Il fatto che  fino all’ultimo abbia finto di essere geloso, e poteva risparmiarselo arrivati a quel punto, e il tentativo di far ricadere la responsabilità del no sul padre di Teresa. Ha fatto credere che fossero state le sue parole a fargli decidere di non proseguire nella conoscenza, quando invece il suo era un  no scritto da 4 mesi. Non ha avuto nemmeno il coraggio di dire ‘ti dico no perché non mi piaci, perché sei diversa da me’. Fino all’ultimo ha tentato di scaricare le sue responsabilità. Non è stato corretto”. Si ritiene d’accordo, tuttavia, circa le motivazioni che avrebbero dovuto spingere la Langella a pensare meglio alla sua scelta. Anche lei, al pari di una parte del pubblico, ritiene provengano da ambienti troppo diversi per potersi incontrare:

Trovo anch’io che i due vengano da realtà troppo diverse per incontrarsi, in queste cose bisogna essere oggettivi. Per poter superare una distanza così ampia bisogna essere davvero innamorati, e non era questo il caso. Non gli ho mai creduto, nemmeno ai tempi di Temptation Island. Non mi ha mai ispirato onestà e sincerità. Non voglio essere presuntuosa, ma uno come lui non mi avrebbe mai ingannato. Pronuncia frasi da telenovela argentina. Teresa sognava il principe azzurro, era in una situazione di debolezza e non è riuscita a vedere che il suo sarebbe stato un no. La sua stessa famiglia l’aveva messa in guardia, ma lei era troppo coinvolta per capire.