Fabio Basile, recentemente eliminato dalla Casa del Grande Fratello Vip 2018, conferma la sua attrazione nei confronti di Giulia Provvedi, la gemella bionda del duo Le Donatella. Tra i due giovanissimi non è mai accaduto nulla, benché Basile si fosse detto attratto da lei fin da subito. Sportivo appartenente al corpo dei militari, Fabio ha sempre anteposto il legame precedente di Giulia con Pierluigi Gollini al suo piacere. Da qui, come rivela al settimanale Chi, la difficoltà a vedere la Provvedi come una possibile fidanzata:

Lei è la più carina, la più simpatica, la più tenera. Ma è fidanzata. Per me le ragazze impegnate non si toccano. Pierluigi è uno sportivo come me e mi auguro che non abbia sbagliato. Ma sono fiducioso.

La rabbia contro Cecchi Paone a difesa delle Provvedi

Per difendere Le Donatella, Fabio si scaglia contro Alessandro Cecchi Paone. Non gli sono piaciuti i toni dell’uomo nel corso dell’ultima discussione che lo aveva visto attaccare Silvia Provvedi. Fabio aveva chiesto di entrare nella Casa del GF per incontrarlo faccia a faccia, ma non gli è stato permesso: “Quando ho visto che ha toccato le gemelle mi ha dato fastidio: perché non l’ha fatto quando c’ero io? Lo stimo molto, ma ha attaccato Giulia per cose infime. Ho chiesto di guardarlo negli occhi per capire per quale motivo lo avesse fatto. Giulia e Silvia sono ragazze speciali, a cui voglio bene come a due sorelle”.

L’amore finito per Sofia Petitto, la sua ex

Lo aveva già fatto in passato e oggi Fabio non ha cambiato idea: benché abbia profondamente amato l’ex compagna Sofia Petitto, il judoka non intende tornare sui suoi passi: “Ci siamo lasciati da un anno, è un rapporto chiuso, ma mi fa piacere che abbia detto questo. L’ho amata tanto ma, se rimani bloccato nel passato, non puoi pensare al futuro. A volte bisogna lasciar andar via le persone importanti”. E sull’esperienza vissuta al GF conclude:

Tornassi indietro lo farei 10.000 volte, è stata un’esperienza fantastica che mi ha fatto crescere e mi ha aiutato a migliorare il carattere. Pensavo di essere più fragile, invece sono l’unico non aver mai pianto in 47 giorni. Mi emoziono molto, ma ho una corazza devastante. Ho deciso di fare questa scelta sapendo di dover pagare un prezzo, ma a 24 anni era un’occasione da prendere al volo. Di certo la vita da sportivo non si concilia con una carriera televisiva, devi scegliere, e infatti appena uscito dal Gf Vip sono tornato ad allenarmi al centro tecnico federale. Vorrei di nuovo entrare a far parte di un gruppo sportivo dello Stato, ho cercato con il mio comportamento di tenere fede ai valori in cui credo. Volevo uscire da atleta, e non per qualche cretinata, e far conoscere uno sport, il judo, che ha poca visibilità, ma che è fatto di sacrificio e disciplina.