Scelta a sorpresa nella puntata di “Uomini e Donne” dell’1 dicembre. La tronista Giulia Quattrociocche ha scelto il corteggiatore Daniele Schiavon pur senza averlo preventivato. Già da settimane presa in maniera evidente dal 24enne romano, la tronista ha voluto concludere il suo percorso senza che fosse organizzata per lei la scelta canonica. È stata la conduttrice Maria De Filippi a spingerla verso questo epilogo, evidenziando le similitudini con Daniele. Come una parte del pubblico, la padrona di casa si era accorta che il sentimento nato tra i due era già diventato troppo forte perché l’altro corteggiatore, Alessandro Basciano, avesse davvero una possibilità di influire seriamente sulla scelta.

Come Giulia ha scelto Daniele Schiavon

Dopo avere ballato abbracciata a Daniele, Giulia è tornata a sedersi al suo posto irrequieta. Ad accorgersene è stato proprio Daniele che, sebbene addolorato, l’ha invitata a seguire i suoi sentimenti: “Se si sente di far qualcosa che lo facesse”. Così la tronista, ottenuta la sua benedizione, ha colto l’occasione per ammettere la sua preferenza verso Daniele:

Io ho cominciato questo percorso in un modo, ci ho creduto subito.Mi sono giurata solo di essere sempre me stessa, rispettarmi e rispettare le persone. Io al percorso con Alessandro ho dato valore, ma non è lo stesso valore che ho dato al percorso con Daniele. Non ho più motivo di stare qua. Sento di là un legame troppo forte, non ne posso più.Voglio andare via.

 

Daniele piange, De Filippi balla con lui

Quando Giulia e Daniele si sono baciati al centro dello studio, sotto i tradizionali petali, Alessandro ha cercato di tornare dietro le quinte ma è stato intercettato dalla padrona di casa Maria De Filippi che lo ha invitato a ballare. Compreso il suo stato d’animo, la conduttrice lo ha abbracciato mentre il giovane si scioglieva in lacrime, deluso dall’epilogo del suo percorso in trasmissione. Il pubblico in studio ha chiesto a gran voce che gli sia dato il trono ma, almeno per il momento, la De Filippi sembrerebbe avere frenato: “Dobbiamo capire se è pronto. Ci parleremo dietro le quinte”.