È Marco Predolin  a rompere il silenzio dopo l'esclusione dal GfVip 2017 e la gogna pubblica alla quale era stato sottoposto dopo le accuse di blasfemia e omofobia. Non ci sta Predolin e sceglie il settimanale Chi per dare sfogo alla sua rabbia, concedendo proprio ad Alfonso Signorini la sua versione dei fatti: "L'esclusione dal GfVip è avvenuta non per una bestemmia, ma a causa di un turpiloquio. Ne ho parlato con gli avvocati. Io non sono un bestemmiatore, voglio si sappia. E non sono omofobo. Chi mi conosce, in primis i miei amici gay, mi hanno detto: “Mandali a quel paese, non sanno chi sei”. Ho cazzeggiato, sono un battutaro e quest'ironia l'ho “rubata” proprio all'autoironia dei miei amici gay. In realtà ho fatto un errore ben più grande. Ho scelto la realtà, ho scelto di essere Predolin. Tutti usiamo parolacce. Non si dice “perbacco” per la strada, io sento dire “c…o”. Io mi sono mostrato nudo. Un uomo risolto, nel bene e nel male. Forse avrei dovuto fingere come fa la maggior parte dei concorrenti rimasti in gara. Finti, fintissimi. Io ero, sono e rimarrò vero".

La bestemmia che non era una bestemmia.

Fanpage.it aveva già spiegato perché Marco Predolin non aveva commesso un reato. In un articolo a cura di Andrea Parrella, si era affrontata la questione del peso assunto dall'imprecazione ‘Mannaggia' seguita dal nome della madre di Gesù, la Madonna appunto. Ebbene per la legge italiana la formulazione di una frase simile non presuppone un reato perché l'ordinamento italiano stabilisce che: "Chiunque pubblicamente bestemmia, con invettive o parole oltraggiose, contro la Divinità, è punito con la sanzione amministrativa da euro 51 a euro 309". La "divinità", appunto, quale la Madonna e i santi non sono.

Flaherty ha baciato Malgioglio perché era in nomination.

Questo lo sfogo che Marco Predolin fa in un’intervista esclusiva rilasciata al settimanale Chi (in edicola da mercoledì 11 ottobre), la prima dopo la sua squalifica dal GFVip a seguito di una bestemmia. Con la sua solita franchezza l'ex conduttore non risparmia frecciate ai suoi compagni di gioco: "Si odiano tutti e mancano di personalità. Lorenzo Flaherty oggi limona Malgioglio, ma ieri con me rideva di gusto quando ironizzavo su Cristiano. Lo bacia perché era in nomination. Se questa è la tv non fa per me".

Vivo con dignità, ma vorrei tornare a condurre.

Predolin non nasconde nemmeno le difficoltà che ha dovuto superare nella vita per poter tornare in tv: "Ho avuto un periodo di difficoltà economica, sono padre di due ragazze e ringrazio la mia ex moglie Cristina che in quel momento mi ha dato una mano in tutti i sensi. Sono finito in un vicolo cieco. Ho ridimensionato la mia vita in modo radicale. Ho fatto ogni tipo di lavoro. Due anni di sofferenza totale. Oggi vivo dignitosamente, ma vorrei tornare a fare il mio lavoro. Un volta ero un conduttore, anzi sono un conduttore. Altrimenti emigro in Argentina e qualcosa salterà fuori".