Mentre il mondo dello spettacolo e della cucina piange la morte di Anthony Bourdain, fa discutere sul web una clamorosa gaffe con bufala relativa ad Asia Argento, che del noto chef televisivo era la compagna di vita da oltre un anno. Alcuni media, tra cui l'Ansa e il televideo della Rai, hanno riportato un presunto commento dell'attrice al suicidio di Bourdain su Twitter, vale a dire la parola "Muoio" accompagnato peraltro a emoticon che rappresentavano delle risate. Nessuno, a quanto pare, si è reso conto che tale commento non c'entrasse nulla con la notizia della morte. L'affermazione è stata quindi cancellata dai giornali che, per un clamoroso errore, l'avevano riportata.

Il tweet di Asia Argento

Il tweet in questione, quel "Muoio" completamente decontestualizzato che nulla aveva a che vedere con la morte di Bourdain, era invece un commento di Asia a una notizia di Repubblica. Altro non era che una reazione divertita a una news in cui il suo nome era stato erroneamente scambiato con quello di Ambra Angiolini.

Il vero commento di Asia Argento alla morte di Anthony Bourdain

L'autentica reazione della Argento alla tragica scomparsa del compagno è arrivata qualche ora dopo. L'attrice ha affidato ai social poche dolorose parole, chiedendo di poter vivere il lutto in privato: "Anthony dava tutto se stesso in ogni cosa che faceva. Il suo spirito brillante e privo di paure ha toccato e ispirato tante persone, e la sua generosità non conosceva limiti. Era il mio amore, la mia roccia, la mia protezione. Sono più che devastata. I miei pensieri sono per la sua famiglia. Chiedo di rispettare la loro privacy e la mia". A mostrarle solidarietà, l'amica Rose McGowan, che ha rivolto un appello contro la tentazione a compiere un gesto estremo.

Bourdain si è suicidato, ancora ignote le cause del gesto

Restano ancora incomprensibili le cause del suicidio di Bourdain, trovato morto in una camera d'albergo a Kaysersberg. Lo chef aveva 61 anni ed era popolare come volto di programmi a tema culinario ("Parts Unknown", grazie a cui conobbe la Argento, "Top Chef"), nonché scrittore di best seller. La "rockstar della cucina", com'era stato definito per il suo passato ribelle e sopra le righe, andava alla ricerca delle tradizioni gastronomiche di tutto il mondo ed era molto amato dal pubblico, americano e non solo.