nadia_macrì_berlusconi

Si allunga lo scandalo Bunga Bunga che ha coinvolto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e Ruby dopo le dichiarazioni della escort emiliana Nadia Macrì, che avrebbe più volte partecipato alle feste organizzate ad Arcore, delle quali ha raccontato di aver visto anche venti trente ragazze per volta, spesso ubriache e drogate, che si appartavano a gruppi col premier.

La scalata di Nadia ad Arcore passa per un altro politico di primo piano, Renato Brunetta, conosciuto ad un convegno di Forza Italia. Nadia, attraverso Perla Genovesi, assistente del parlamentare Enrico Pianetta ma con una seconda vita da narcotrafficante. La giovane avvicinò Brunetta chiedendogli di aiutarla nella causa dell’affido di suo figlio, ed ebbe con lui una relazione. La storia fra i due non durò molto, e Nadia ci guadagnò solo vari regali, tra cui gioielli, ma questo le bastò per entrare nel giro delle escort di Arcore, introdotta come spesso avvenuto da Emilio Fede.

La ragazza ha rilasciato tutte queste dichiarazioni alla procura di Palermo che sta aprendo un inchiesta per favoreggiamento della prostituzione, ma gli stessi magistrati ritengono il racconto della ragazza lacunoso, come se stesse accusando qualcuno per difendere qualcun altro. Certo Nadia non ha le prove di Patrizia D’Addario, ma sicuramente un occhiata in giro l’ha data e ha memorizzato, nomi e volti.

Gli interessati rispondono furiosi alle dichiarazioni della escort, Brunetta afferma di non aver mai avuto una relazione con questa donna, ma conferma di averla conosciuta ad un convegno. «Queste dichiarazioni sono fuori dal la grazia di Dio. Ho incontrato quella persona quattro anni fa nel corso di un convegno e le ho indicato l’avvo cato Taormina. Non l’ho mai più vi sta né sentita. Ho già dato mandato al mio avvocato di tutelare la mia per sona con ogni mezzo », ha detto il ministro della funzione pubblica. Ancora più duro Emilio Fede «Non conosco que sta Nadia. Ormai sta diventando un gioco pericoloso. E ai magistrati vor rei dare un suggerimento: mettetele tutte in galera, anzi in manicomio».

Dopo le dichiarazioni di Ruby Rubacuori, si aggiungono particolari intorno alle feste di Arcore, che quindi coinvolgono oltre al premier, anche altri personaggi del suo entourage di partito. Veniamo a conoscenza dunque di un mondo fatto di festini con prostitute e droga, in cui le guide dello stato si intrattengono in attività edonistiche, per Berlusconi meglio che essere gay, ma dipende dai punti di vista.

Ed il suo è chiaro, tanto che la stessa Nadia Macrì ha vuotato il sacco parlando con gli inquirenti e rivelando alcuni dettagli intimi sugli incontri tra lei ed il Presidente del Consiglio: 5000€ da Berlusconi per sesso in vasca idromassaggio. Insomma il Cavaliere ha le idee chiare e le nuove accuse non fanno altro che soffiare sul fuoco alimentato da Ruby Rubacuori.

Intanto altri uomini politici sono stati coinvolti nello scandalo ma Renato Brunetta ha smentito Nadia ed a smascherarlo ci ha pensato l'avvocato Taormina. L'uomo ha raccontato di come il ministro avesse preso a cuore la giovane escort e i suoi problemi di mamma.

Nadia, infatti, aveva perso l'affidamento del suo bambino e da allora la sua vita si era trasformata in un ciclone dantesco. Brunetta le aveva promesso aiuto, mentre Silvio l'aveva aiutata, sì, economicamente ma in seguito, però, a rapporti di natura sessuale. Oggi l'escort Nadia Macrì parlerà ai giudici e al solo pensiero il Presidente del Consiglio già trema.

Intanto sono state pubblicate le foto esclusive di Nadia Macrì. L'escort ha deciso di rifugiarsi nella casa dove convive con il suo fidanzato per sfuggire alla persecuzione mediatica, in attesa della conferenza stampa di oggi. Tutto è pronto e Silvio Berlusconi è conscio che verranno svelate altre indiscrezioni sulla sua vita privata.

Il Presidente del Consiglio è inciampato in una vera e propria bufera mediatica. Tutti gli occhi sono puntati su di lui ed è forse, proprio per tale motivo, che Emilio Fede ha deciso di difenderlo contro le accuse delle escort. Su Nadia e Ruby, il direttore di Rete4 ha ammesso: "Il presidente è single. Da quando ha perso la madre la sua vita si è molto rattristata. Se una sera alla settimana vuole svagarsi non ci vedo niente di male…"

Stefano Brosca