Enrico Silvetrin si è lasciato andare con Giulia Salemi raccontandole il disagio provato nei primi giorni trascorsi nella casa del Grande Fratello Vip 2018. L'ex volto di MTV ha spiegato: "Non siete voi, sono io che mi sento l'alieno, ma senza snobismo, è che devo trovare la mia quadra", riferendosi a quel senso di distacco provato entrando in un reality show che mai pensava potesse appartenergli nei tempi in cui cavalcava l'onda della musica internazionale come primo VJ italiano sull'emittente più pop del mondo.

La Salemi lo ha rassicurato dicendogli di vederlo diverso dai primi giorni, più integrato, e di essere prezioso per l'equilibrio del gruppo. "Quando parli tu mi piego in due" ha ironizzato la modella, che ha voluto rafforzare la linea sottile che al momento unisce Silvestrin al resto del gruppo.

"Sono Io l'alieno…." #GFVIP #canale5 #italia1 #mediasetextra #StaffSilvestrin

A post shared by Enrico Silvestrin (@enricosilvestrinofficial) on

Quando Silvestrin ha confortato Giulia Salemi in crisi

Giulia Salemi si è raccontata nella casa del Grande Fratello Vip 2018, passando in rassegna gli eventi ai quali ha partecipato durante la sua carriera televisiva. Inevitabile il passaggio sul famoso red carpet del Festival di Venezia, in cui si presentò con un abito particolarmente audace con profonde aperture sul davanti, che le lasciarono intravedere le parti intime (coperte da apposito intimo minimal) e che al contempo le fecero piovere addosso numerose critiche.

Le lacrime di Giulia hanno innescato negli astanti, Enrico, Valerio e Maurizio, un profondo senso di solidarietà, convertito all'istante in un tentativo di sostegno. "Mi dicevano che ero stupida, cretina, che non meritavo di fare televisione" ha singhiozzato lei, mentre gli altri hanno cercato di sedarla, invitandola ad affrontare il lato negativo della notorietà, senza farsi schiacciare dalle opinioni altrui.

Le motivazioni dell'incidente hot a Venezia

Enrico Silvestrin, in particolare,  non si è risparmiato rispetto all'incidente hot del Festival di Venezia, e le ha detto "se non sai gestire la situazione hai sbagliato tu", spiegandole che avrebbe dovuto prevedere una reazione d'urto così forte da parte dell'esterno e della stampa. "Non sono strutturata, non avevo ufficio stampa, non avevo un buon manager, non avevo uno stylist, non avevo niente… ero un'improvvisata. Poi però sono sparita in sordina, non ho cavalcato l'onda. Perché mi chiamavano per partecipare alle trasmissioni e mi pagavano un pacco di soldi per andare", ha spiegato la Salemi.

Il discorso è proseguito sull'approccio a volte strumentale di alcuni programmi, che l'avrebbero invitata proprio perché sapevano che sarebbe stata un argomento di facile polemica. Proprio per questo, messo che si sono trovati tutti d'accordo sul modo deplorevole, a livello umano, nel demolire pubblicamente una donna in quel modo, anche lei sarebbe dovuta e dovrebbe oggi stare più attente agli inviti da accettare nelle varie trasmissioni.