La guerra infinita tra Johnny Depp e Amber Heard continua, ormai senza sosta, ed emergono sempre più particolari sulla presunta colpevolezza dell'attore hollywoodiano in merito agli episodi di violenza domestica di cui Amber Heard dice di essere stata vittima. In questi giorni si sta svolgendo, a Londra, il processo per la causa che la star ha intentato al The Sun, che lo definì "picchiatore e violento". A testimoniare è stato chiamato anche l'ex assistente di Depp, Stephen Deuters, che ha rivelato alcuni aspetti inediti della giovane attrice che confermerebbero l'ipotesi che sia stata lei ad essere violenta nei confronti del marito.

Le dichiarazioni dell'assistente

"Era lei quella violenta tra i due", così si esprime Stephen Deuters parlando del rapporto tra i coniugi Depp-Heard, stando a quanto riporta il The Guardian. L'ex assistente della star nella sua testimonianza ha dichiarato che sia stata l'attrice a far vivere anni di sottomissioni al suo compagno, tanto che lui stesso non credeva fossero reali le accuse mosse dalla giovane Heard "sono stato sorpreso e anche indignato" ha dichiarato. Non si è risparmiato nel definire l'attrice ‘machiavellica' e ‘sociopatica', di fatti quando la loro storia è terminata sembra che Deuters abbia tirato un respiro di sollievo. Davanti alle domande dell'avvocato difensore della star Hollywoodiana, sull'aver visto Depp essere violento con sua moglie, l'ex collaboratore ha dichiarato di non aver mai assistito ad una scena del genere e nel momento in cui fosse accaduta una cosa simile, ha giurato che non lo avrebbe permesso. Continuando con le domande, poi, gli è stato chiesto di descrivere la relazione della coppia, e a questo proposito ha affermato: "Erano due persone innamorate l’uno dell’altra che non avrebbero mai dovuto stare insieme". 

Quattordici presunti episodi di violenza

Intanto il processo va avanti e in questi giorni Johnny Depp è stato interrogato anche su 14 presunti episodi di violenza domestica avvenuti a causa delle sue dipendenze. Ha negato ogni accusa oltre ad aver negato di essere, come viene descritto dalla moglie, come "dottor Jekyll e mister Hyde". Come prova delle sue parole, anche un messaggio del padre di Amber Heard in cui ammetteva che la figlia aveva problemi di umore. E sulla presunta aggressione alla festa del compleanno di lei, nell'aprile 2016, ha dichiarato: "Ero arrivato in ritardo dopo aver saputo che il direttore amministrativo della mia società mi aveva sottratto i 650 milioni di dollari guadagnati con gli incassi dei film Pirati dei Caraibi". Non è una situazione facile da gestire e il dibattimento, tra testimonianze e capovolgimenti di fronte, è ancora agli inizi.