Era maggio dello scorso anno, 2018, quando Georgette Polizzi, ex protagonista di Temptation Island, rivelò sul suo profilo Instagram di essere affetta da sclerosi multipla. Un annuncio inaspettato, nato dall'esigenza di dare supporto a coloro che si trovano ad affrontare un percorso così difficile, e non per avere visibilità, come ha subito puntualizzato. A distanza di un anno, Georgette Polizzi non ha smesso di condividere i momenti di questo cammino doloroso e sofferente, di cui ha parlato nel dettaglio con tutti coloro che la seguono. Non ultima, una foto che la ritrae durante le terapie in ospedale, seguita da un messaggio carico di forza e speranza.

La foto su Instagram durante le terapie

Stanca, provata ma sorridente, circondata dai fili dei macchinari e della flebo, segnata da sei ora ininterrotte di terapia, che paradossalmente rappresenta la sua stabilità, la sua linfa vitale, che le consente di affrontare la malattia, di tenerla a bada. È così che si mostra Georgette Polizzi e, sebbene questo scatto potrebbe bastare per comprendere quanta determinazione ci sia dietro la sua persona, lei ha voluto accompagnarlo con delle parole ancor più significative:

È una foto brutta… è sgranata … lo so!! ma è la foto più bella del mondo per me!! Ho appena finito le 6 ore di infusione del mio farmaco che mi aiuta a far dormire la bastarda…. questo sorriso dice tutto!! Guardo questa foto e penso che è così che voglio vedermi ogni volta che dovrò affrontare la terapia… dovrò farla per tutta la vita ma voglio che sia proprio come oggi!! Lo ammetto sono partita un po’ spaventata avevo una strana sensazione ed invece è andato tutto alla grande!

È una foto brutta… è sgranata … lo so!! ma è la foto più bella del mondo per me!! Ho appena finito le 6 ore di infusione del mio farmaco che mi aiuta a far dormire la bastarda…. questo sorriso dice tutto!! Guardo questa foto e penso che è così che voglio vedermi ogni volta che dovrò affrontare la terapia… dovrò farla per tutta la vita ma voglio che sia proprio come oggi!! Lo ammetto sono partita un po’ spaventata avevo una strana sensazione ed invece è andato tutto alla grande! Grazie a tutto lo staff del reparto di sclerosi multipla perchè sono degli angeli scesi in terra che si prendono va ogni giorno di noi sclerati!! E grazie a voi per gli infiniti messaggi che mi avete mandato, siete strepitosi!! Un bacio ed un abbraccio virtuale a chi come me deve affrontare questo, sono con voi ❤️ UNA TRIBÙ DI POLLINI DI CUORE!

A post shared by GEOᖇGETTE ᑭOᒪIᘔᘔI ® (@georgettepol) on

Il grazie a coloro che le sono stati accanto

La consapevolezza di doversi sottoporre alle cure per tutta la vita, il dolore quotidiano, le difficoltà da affrontare, di cui ha più volte parlato nei precedenti post, non hanno fermato l'entusiasmo nel continuare a scoprire quanti regali ancora può ricevere, quanto tempo ancora ha davanti a sé. Per questo motivo, nel lungo messaggio su Instagram, non poteva mancare un ringraziamento a coloro che hanno alimentato questa sua forza d'animo, coloro che le sono stati vicino: dal suo fidanzato Davide Tresse che non l'ha mai abbandonata, a coloro che personalmente si sono occupati delle sue cure, fino ad arrivare ai suoi seguaci, che le hanno sempre dimostrato affetto e solidarietà, ma soprattutto a chi, come lei, si trova a dover superare questa grande sfida, ogni giorno:

Grazie a tutto lo staff del reparto di sclerosi multipla perchè sono degli angeli scesi in terra che si prendono va ogni giorno di noi sclerati!! E grazie a voi per gli infiniti messaggi che mi avete mandato, siete strepitosi!! Un bacio ed un abbraccio virtuale a chi come me deve affrontare questo, sono con voi.

In ospedale dopo il caso di Pamela Prati

L'ultima volta in cui aveva parlato dall'ospedale risale a qualche mese fa, quando fu coinvolta nel Pamela Prati Gate. Una faccenda che si rivelò stressante e deleteria per lei che, nonostante tutto, si era prodigata per difendere coloro che credeva fossero sue amiche, andando molte volte in tv, per poi prendere le distanze da un mondo da cui sentiva di essere troppo lontana.